Che gran pene… ops!

Il fatto che lo si commenti è già fare un favore a chi voleva raggiungere questo scopo. Ma non si può non commentare questo titolo di “Libero”: “C’è poco...

Il fatto che lo si commenti è già fare un favore a chi voleva raggiungere questo scopo. Ma non si può non commentare questo titolo di “Libero”: “C’è poco da stare allegri. Calano fatturato e Pil ma aumentano i gay”. Il catenaccio continua: “Tre imprenditori su quattro fuggono dalla ricevuta elettronica e l’economia soffre. Gli unici a non sentire crisi sono gli omosessuali: crescono in continuazione”.

E quindi? Dove sarebbe la correlazione tra fatture elettroniche, Prodotto interno lordo della nazione e omosessualità crescente?

Ma poi, crescente in base a cosa?

Non esiste uno standard di crescita dell’omosessualità, una legge dello sviluppo biologico che faccia seguire il suo corso ai nascituri e determini pertanto quanti saranno gay, lesbiche, transgender, queer (eccetera, eccetera senza che se ne abbiano a male le altre “categorie” dell’universo LGBTQI)…

Forse commentare è superfluo perché questo non è giornalismo. E’ fare un titolo “eclatante” per attirare solo attenzione, “like” (come si dice oggi riferendosi ai “social”) e far montare una polemica veramente priva di senso, magari non priva di qualche voglia di creare pregiudizi e acredini veramente gratuiti…

Che gran pene. Ops, meglio dirla al singolare, altrimenti qualcuno potrebbe dire che non aumentano solo i gay…

(m.s.)

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • I seguaci

    La destra israeliana si ricompatta! Plaudono un po’ tutti dalle parti israeliane per questo ritrovato senso sionista, antidemocratico e incivile che pervade lo Stato ebraico: le provocazioni e le...
  • Italia – Mondo

    Mario Draghi urbi et orbi: «Siamo pronti ad accogliere il mondo in Italia». Ci vuole poco a superare la sinistra in buonismo ed accoglienza. E ora chi glielo spiega...
  • Per la memoria divisiva

    Il 28 aprile 1945 Mussolini veniva fucilato in nome del popolo italiano, per aver instaurato una dittatura feroce e sanguinaria per oltre vent’anni; per aver legalizzato il razzismo nel...
  • La vittima (quale?)

    Uno stupro è prima di tutto una violenza, un vilipendio fisico e morale di una persona. Chiunque essa sia. È una condanna prima per la vittima che per lo...