Il ciclo concluso e quello nuovo

Un ciclo è finito. Ora dobbiamo aprirne un altro. Da comuniste e da comunisti. Perché il capitalismo esiste e ci permea ogni giorno con le sue leggi, ci attraversa...

Un ciclo è finito. Ora dobbiamo aprirne un altro. Da comuniste e da comunisti.

Perché il capitalismo esiste e ci permea ogni giorno con le sue leggi, ci attraversa con tutte le sue feroci contraddizioni e ci fa pagare le conseguenze della sacra protezione dei profitti anche da parte di chi dovrebbe fare gli interessi dei moderni sfruttati ed invece sta a guardia del barile di petrolio.

La classe politica governativa, che fa riferimento a quella dominante imprenditoriale, fa i suoi “stati generali” per decidere come spartirsi gli interessi economici post-Covid-19.

Ecco, toccherebbe ora fare gli “stati generali” del movimento anticapitalista in Italia (e non solo) per archiviare i nostri fallimenti e creare i presupposti organizzativi e politici di una rinascita delle ragioni sociali, egualitarie e libertarie.

Molti tra noi sono pieni di sfiducia: si aggrappano a misere percentuali associate ad uno schema elettorale di governo che si vorrebbe come nuovo “fronte” anti-destre.

Adesso non è nemmeno più sufficiente fare aggregazione attorno al solo PD. Servono pure i populisti pentastellati per arginare il pericolo sovranista.

Ma allearsi con una minaccia per le ragioni del lavoro e del moderno mondo dello sfruttamento, non porta a battere le destre. Apre a loro ancora più varchi per fare terra bruciata tutto intorno alle ragioni invece vere del comunismo, dell’antiliberismo.

Ognuno prenderà la strada che deve prendere e che gli detta la coscienza, frutto della propria storia e delle proprie esperienze.

Fate pure quello che volete, ma non raccontatemi – per parafrasare l’ottuagenario Guccini – cos’è la libertà…

(m.s.)

Foto di Sharon Ang da Pixabay

categorie
Lo stiletto



politiche 2022

ecosocialismo



altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...