Hillary e la pena di morte

Hillary Clinton, mentre si appresta ad affrontare in autunno la sfida delle presidenziali americane, dichiara che non è favorevole all’abolizione della pena di morte. Mandare il boia in pensione...

Hillary Clinton, mentre si appresta ad affrontare in autunno la sfida delle presidenziali americane, dichiara che non è favorevole all’abolizione della pena di morte.
Mandare il boia in pensione costa. Il prezzo, intanto, sono le vite. Come nelle guerre che la grande repubblica stellata combatte per il pianeta in nome della democrazia.
La cultura della vendetta e quella della vita libera si sposano benissimo all’ombra della statua che ti accoglie appena finito il grande oceano…
Sono contraddizioni evidenti? Sono contraddizioni imprescindibili per via di queste o quelle lobby?
Sono scelte politiche quelle legate alla pena capitale. Sono scelte dettate dai titoli borsistici le altre.
Del resto, “in god we trust”. Loro confidano in dio. Comunque. E serenamente.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...
  • La legge morale

    Può un candiato alla carica di consigliere comunale definirsi “naziskin, negazionista, omofobo, xenofobo“, mostrarsi in plateali saluti romani con alle spalle la bandiera della repubblichina fascista di Salò? Non...