Santa Opinione Pubblica

Ora che avete collocato al posto giusto la gente giusta, assisteremo al restringimento progressivo di tanti piccoli spazi di agibilità sociale, politica, intellettuale. Sarà permesso fare e dire ma...

Ora che avete collocato al posto giusto la gente giusta, assisteremo al restringimento progressivo di tanti piccoli spazi di agibilità sociale, politica, intellettuale.
Sarà permesso fare e dire ma entro il limite di una opinione pubblica plasmata non sui valori della Costituzione, su un disegno di convivenza civicamente civile, dove si respira voglia di umanità perché si cerca l’uguaglianza, semmai su un desiderio di sicurezza apparente: respingere i barconi, cacciare i migranti presuntamente unificati sotto il nome improprio di “clandestini”.
Intanto rimarranno tutte le insicurezze antisociali in mezzo a dichiarazioni di insofferenza verso la legge sull’aborto, sulle unioni civili, plaudendo parimenti a maggiori spese militari, a più forze dell’ordine per le vie delle città…
Il risultato è che la cultura dell’uguaglianza è un disvalore. Dunque i comunisti sono quanto di più alieno oggi vi sia nella società del gialloverdismo. Dunque rimaniamo nel giusto avendo sempre, palesemente, torto per la santa “opinione pubblica”.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...