Santa Opinione Pubblica

Ora che avete collocato al posto giusto la gente giusta, assisteremo al restringimento progressivo di tanti piccoli spazi di agibilità sociale, politica, intellettuale. Sarà permesso fare e dire ma...

Ora che avete collocato al posto giusto la gente giusta, assisteremo al restringimento progressivo di tanti piccoli spazi di agibilità sociale, politica, intellettuale.
Sarà permesso fare e dire ma entro il limite di una opinione pubblica plasmata non sui valori della Costituzione, su un disegno di convivenza civicamente civile, dove si respira voglia di umanità perché si cerca l’uguaglianza, semmai su un desiderio di sicurezza apparente: respingere i barconi, cacciare i migranti presuntamente unificati sotto il nome improprio di “clandestini”.
Intanto rimarranno tutte le insicurezze antisociali in mezzo a dichiarazioni di insofferenza verso la legge sull’aborto, sulle unioni civili, plaudendo parimenti a maggiori spese militari, a più forze dell’ordine per le vie delle città…
Il risultato è che la cultura dell’uguaglianza è un disvalore. Dunque i comunisti sono quanto di più alieno oggi vi sia nella società del gialloverdismo. Dunque rimaniamo nel giusto avendo sempre, palesemente, torto per la santa “opinione pubblica”.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...