Non è questione di film o cioccolata

A me “Via col vento“, purtroppo, fa pensare di più a “Porta a porta” che al razzismo… Suvvia, questa lotta è troppo seria per ridurla alla censura di un...
Clark Gable (Rhett Butler) e Vivien Leigh (Rossella O'Hara) in "Via col vento"

A me “Via col vento“, purtroppo, fa pensare di più a “Porta a porta” che al razzismo… Suvvia, questa lotta è troppo seria per ridurla alla censura di un film o al ritiro dagli scaffali di un cioccolatino.

Si può tranquillamente guardare qualunque film, anche “Il trionfo della volontà” di Leni Riefenstahl, leggere il “Mein kampf ed avere la capacità di discernimento critico, la consapevolezza civile, morale e sociale che si è un essere umano, un individuo uguale a tutti gli altri e viceversa.

Si può, al contempo, leggere il “Vangelo“, mostrare una “Bibbia” in comizi elettorali o propaganda per elezioni presidenziali ed essere i peggiori razzisti, i più fanatici sostenitori della superiorità di una razza su un’altra, di una cultura rispetto ad un’altra.

Il razzismo non lo fomenta Rossella O’Hara, ma l’ignoranza: proprio il non aver mai visto i film in cui si sterminano gli indiani (“Soldato blu“, tra tanti, merita di essere visto e rivisto), in cui si riducono in schiavitù gli afroamericani, in cui si fa la guerra per alimentare la sete di profitto, di sangue, di potere, di supremazia, di imperialismo.

Proprio l’aver evitato di leggere il “Mein kampf” o simili aberrazioni, aver pensato di essere ormai fuori da qualunque rigurgito neofascista e neonazista, quindi xenofobo, omofobo, patriarcalista e specista, ci ha condotto oggi alla ripetizione della storia e a pensare che censurando un film si possa arginare un problema antisociale millenario.

(m.s.)

12 giugno 2020

Foto di 272447 da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...