Maledizione!

Riaperture, contagi che salgono, contagi che scendono. Indice R0 sotto l’1% qui, sopra l’1% là… Colpa del governo, colpa dei padroni, colpa dei vacanzieri che hanno le seconde case....

Riaperture, contagi che salgono, contagi che scendono. Indice R0 sotto l’1% qui, sopra l’1% là… Colpa del governo, colpa dei padroni, colpa dei vacanzieri che hanno le seconde case. Colpe, indici puntati, accuse, difese…

Maledirei prima i grandi industriali che non possono rinunciare nemmeno a due mesi di profitti (con tutti quelli accumulati in questi decenni… a scapito anche delle risorse pubbliche) e finanziare insieme al governo la sostenibilità di vita della forza lavoro che sfruttano (dei “loro” lavoratori).

Poi se volete, possiamo maledire anche il grande commercio che, parimenti, dipendendo come filiera dalle grandi produzioni, pretende di rimanere aperto anche laddove la curva dei contagi aumenta…

Infine, se proprio volete, malediciamo pure anche i commercianti, i “bottegai” si sarebbe detto un tempo. Ma sono gli ultimi della catena. Non ho alcuna simpatia per molti di loro che si dimostrano veri e propri strozzini e accaparratori in questi giorni: dai prodotti farmaceutici fino a quelli genericamente igienizzanti che avremmo comperato anche al di fuori dell’emergenza sanitaria in atto.

Esistono, però, anche molti commercianti onesti, molti che pagano le tasse a differenza di alcuni che le evadono sistematicamente, pagano multe di decine di migliaia di euro e poi hanno fior di suv, ville e magari pagano quattro soldi i loro dipendenti.

Per questi ultimi della catena, naturalmente, ho preoccupazione: per i lavoratori che non hanno alcun risparmio da parte, che devono mantenere magari una famiglia, che pagano forse un mutuo o un affitto, che a stento mettono la benzina nello scooter o nella macchina magari proprio per andare al lavoro.

Ecco, per loro, per questi moderni proletari, rider compresi (si intende), ho preoccupazione. Per gli altri vale il cosiddetto “rischio di impresa“…

(m.s.)

Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...