Mai un’arma in mano

“…e comunque “militare” è sempre il contrario di “civile”.” “Vuoi dire che un militare è un incivile?”. Voglio dire che ad un “governo militare” preferisco un “governo civile”. Voglio...

“…e comunque “militare” è sempre il contrario di “civile”.”

“Vuoi dire che un militare è un incivile?”.

Voglio dire che ad un “governo militare” preferisco un “governo civile”.

Voglio dire che ad una “manu militari” preferisco la mano della solidarietà di tanti laici e credenti che fanno volontariato.

Voglio dire che invece di investire miliardi nella difesa, comperando gli F35 o vendendo fregate all’Egitto (ad un altro militare-generale-presidente), sarebbe meglio investire in stato-sociale: sanità, pensioni, sicurezza sul lavoro, scuole e istruzione.

Voglio dire che, solitamente, i colpi di Stato non li fanno i civili, ma i militari: vedasi un lungo excursus storico, anche e soprattutto moderno, da Francisco Franco ai colonnelli greci, dal generale De Lorenzo fino a Woiciech Jaruzelski, da Batista a Pinochet…

Voglio dire che le guerre le fanno i militari per conto degli interessi economici protetti dagli Stati, che così tradiscono la vita tranquilla dei popoli e li trasformano in carne da macello.

Voglio dire che alla milizia preferisco la militanza, che è una declinazione anomala del militarismo, perché lo nega in virtù della voglia di sovvertire questo sistema.

Voglio dire che essere militare è essere anti-civile, letteralmente: chi è civile non è militare e viceversa. “Da borghese che lavoro facevi?“, si sente spesso dire nei film di guerra, laddove per una volta quella parola assume la connotazione più laica possibile e si spoglia del suo connotato di classe.

Voglio dire che non ho mai preso in mano un’arma, non ho mai ucciso o ferito nessuno in nome della Patria, dello Stato o della Nazione che dir si voglia.

Ne vado orgoglioso e spero di morire, di finire il tempo della mia vita senza doverlo fare, senza esserne costretto come fecero i partigiani in Spagna nel ’36 e in Italia nel ’43. Senza che nessuno me lo imponga mai, così sarò sicuro che non lo farò.

Questo volevo dire. Forse ho sintetizzato troppo. Ma la prolissa spiegazione che ho dato, credo renda evidente ciò che penso e che ho ridotto a pochissime parole.

(m.s.)

Foto di Amber Clay da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...