Studente? “Presente!”

Dirigente scolastico marchigiano, elogio della Grande Guerra, del soldato, del Piero che invece di esitare, imbraccia il fucile, spara e spara ancora. Come se non ci fosse un domani....

Dirigente scolastico marchigiano, elogio della Grande Guerra, del soldato, del Piero che invece di esitare, imbraccia il fucile, spara e spara ancora. Come se non ci fosse un domani. E in effetti in bellum un domani spesso non c’è… L’attimo del presente racchiude tutto l’amore di Patria che si può provare, non regala alcun futuro.

Ma il fucile è ben saldo nelle mani: eroicamente si uccidono i propri simili. Del resto, le differenze a che servirebbero mai se non a provare ad annullarle e venendone premiati con medaglia al petto. Che le metta Diaz o le metta un generale tedesco nella Berlino devastata dai bombardamenti sovietici e ridotta alla fame, poco conta.

Saltate in piedi, giovani pubescenti, virgulti del patriottismo leghista post-secessionismo e proferite a pieni polmoni: “Presente!“.

Don Milani rimproverava alla scuola italiana anche questo: l’essere una caserma. Alzarsi in piedi quando entra il direttore, il preside, linsegnante. Rispondere “presente” all’appello… Ma non è meglio un saluto laicamente borghese: “Buongiorno“, “Salve” e un “Ci sono” quando l’appello viene fatto ogni mattina?

Presenti al disonore dell’omicidio di massa, del militarismo come ragione di vita, come lavoro. Uccidere può essere una occupazione ben remunerata dagli Stati parassiti del mondo, contro il mondo. Contro l’umanità imbelle che viene derisa, umiliata, tacciata d’essere vile e codarda. Reitta per questo.

Io avrei inviato un’altra lettera ai giovani studenti marchigiani, fatta di due fogli: uno con una poesia nota di Gianni Rodari e un altro col testo del “Déserteur” di Boris Vian, perché la vera patria dell’umanità è la pace, la fratellanza e il riconoscimento dell’eguaglianza tra tutti noi.

Ma questo un leghista non lo potrà mai capire.

(m.s.)

foto: Wikipedia

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Nel pallone

    L’idolatria mi è completamente aliena. Non la sopporto, mi regala inopportunamente una istantanea dell’umanità facile preda dell’isterismo collettivo, della partecipazione ossessivo-compulsiva ad un lutto che per molti è stanco...
  • Non è un’opinione

    Quell’insieme di parole che pretenderebbero di essere un editoriale, su un giornale nazionale apertamente di destra, che vorrebbero attribuire la responsabilità di uno stupro alla vittima, a colei che...
  • Storia a storia

    Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende...
  • Mascherina in fumo

    Plaudo ai sindaci che vietano il fumo per strada in questa fase pandemica. Più si abbassano le mascherine e più il virus potenzialmente circola. Almeno i tabagisti fossero mossi...