Studente? “Presente!”

Dirigente scolastico marchigiano, elogio della Grande Guerra, del soldato, del Piero che invece di esitare, imbraccia il fucile, spara e spara ancora. Come se non ci fosse un domani....

Dirigente scolastico marchigiano, elogio della Grande Guerra, del soldato, del Piero che invece di esitare, imbraccia il fucile, spara e spara ancora. Come se non ci fosse un domani. E in effetti in bellum un domani spesso non c’è… L’attimo del presente racchiude tutto l’amore di Patria che si può provare, non regala alcun futuro.

Ma il fucile è ben saldo nelle mani: eroicamente si uccidono i propri simili. Del resto, le differenze a che servirebbero mai se non a provare ad annullarle e venendone premiati con medaglia al petto. Che le metta Diaz o le metta un generale tedesco nella Berlino devastata dai bombardamenti sovietici e ridotta alla fame, poco conta.

Saltate in piedi, giovani pubescenti, virgulti del patriottismo leghista post-secessionismo e proferite a pieni polmoni: “Presente!“.

Don Milani rimproverava alla scuola italiana anche questo: l’essere una caserma. Alzarsi in piedi quando entra il direttore, il preside, linsegnante. Rispondere “presente” all’appello… Ma non è meglio un saluto laicamente borghese: “Buongiorno“, “Salve” e un “Ci sono” quando l’appello viene fatto ogni mattina?

Presenti al disonore dell’omicidio di massa, del militarismo come ragione di vita, come lavoro. Uccidere può essere una occupazione ben remunerata dagli Stati parassiti del mondo, contro il mondo. Contro l’umanità imbelle che viene derisa, umiliata, tacciata d’essere vile e codarda. Reitta per questo.

Io avrei inviato un’altra lettera ai giovani studenti marchigiani, fatta di due fogli: uno con una poesia nota di Gianni Rodari e un altro col testo del “Déserteur” di Boris Vian, perché la vera patria dell’umanità è la pace, la fratellanza e il riconoscimento dell’eguaglianza tra tutti noi.

Ma questo un leghista non lo potrà mai capire.

(m.s.)

foto: Wikipedia

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...
  • La potenza di Tom

    Ci sono immagini davvero potenti, che scuotono dalle fondamenta i più ancestrali drammi umani: quelli che teniamo reconditi, sepolti sotto la coltre di pregiudizi che ci impedisce di guardare...