Studente? “Presente!”

Dirigente scolastico marchigiano, elogio della Grande Guerra, del soldato, del Piero che invece di esitare, imbraccia il fucile, spara e spara ancora. Come se non ci fosse un domani....

Dirigente scolastico marchigiano, elogio della Grande Guerra, del soldato, del Piero che invece di esitare, imbraccia il fucile, spara e spara ancora. Come se non ci fosse un domani. E in effetti in bellum un domani spesso non c’è… L’attimo del presente racchiude tutto l’amore di Patria che si può provare, non regala alcun futuro.

Ma il fucile è ben saldo nelle mani: eroicamente si uccidono i propri simili. Del resto, le differenze a che servirebbero mai se non a provare ad annullarle e venendone premiati con medaglia al petto. Che le metta Diaz o le metta un generale tedesco nella Berlino devastata dai bombardamenti sovietici e ridotta alla fame, poco conta.

Saltate in piedi, giovani pubescenti, virgulti del patriottismo leghista post-secessionismo e proferite a pieni polmoni: “Presente!“.

Don Milani rimproverava alla scuola italiana anche questo: l’essere una caserma. Alzarsi in piedi quando entra il direttore, il preside, linsegnante. Rispondere “presente” all’appello… Ma non è meglio un saluto laicamente borghese: “Buongiorno“, “Salve” e un “Ci sono” quando l’appello viene fatto ogni mattina?

Presenti al disonore dell’omicidio di massa, del militarismo come ragione di vita, come lavoro. Uccidere può essere una occupazione ben remunerata dagli Stati parassiti del mondo, contro il mondo. Contro l’umanità imbelle che viene derisa, umiliata, tacciata d’essere vile e codarda. Reitta per questo.

Io avrei inviato un’altra lettera ai giovani studenti marchigiani, fatta di due fogli: uno con una poesia nota di Gianni Rodari e un altro col testo del “Déserteur” di Boris Vian, perché la vera patria dell’umanità è la pace, la fratellanza e il riconoscimento dell’eguaglianza tra tutti noi.

Ma questo un leghista non lo potrà mai capire.

(m.s.)

foto: Wikipedia

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...