Disperato, povero Afghanistan

Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...

Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico e la corrente del golfo (persico…) per poi, sfruttato tutto lo sfruttabile, andarsene e lasciare Kabul (quasi) in mano ai Talebani.

Sembra una storia già vista e rivista nel corso della seconda metà del ‘900: con il Vietnam, con la Corea. Con i tanti luoghi del mondo dove gli USA hanno padroneggiato e spadroneggiato senza alcun pudore di politica internazionale: negando i più basilari princìpi di rispetto delle convenzioni tra Stati, i trattati e le carte dei diritti umani, la Repubblica stellata ha scritto le “migliori” pagine dell’imperialismo a cavallo tra la fine del Secolo breve e l’inizio del Millennio immaginario.

Oltre a cogliere, please…, la tragicità della necessaria ironia affidata all’aggettivo virgolettato nella precedente frase, si faccia tesoro anche della nuova locuzione sul nostro tempo. Siamo in un millennio davvero tutto da immaginare, da reinventare ma, proprio per questo, ad oggi completamente “immaginario“, dai tratti onirici e visionari.

Dopo vent’anni di occupazione militare di un paese tormentato e ridotto a provincia degli imperi (sovietici prima, americani poi), le macerie dell’esportazione della democrazia rovinano a terra impietosamente sotto i colpi di kalashnikov degli studenti coranici riemersi da un passato che non passa.

Ad una ad una le più grandi città cadono dalla padella nella brace: gli interpreti che traducevano dal dari all’inglese yankee sono spaventati, chiedono protezione internazionale ad una comunità che li ha già abbandonati ad un impietoso destino. La popolazione è fatta di civili che fuggono davanti all’avanzata di un nuovo terrore, mentre i territori controllati dalle forze governative si riducono sempre più sulle mappe.

I soldati disertano più per paura che per convinzione: sono giovani che, qui in occidente, chiameremmo “millenials“, mentre là sono soltanto anonimi attori di una guerra permanente, tribale e senza più un perché. Ammesso che, eticamente, esista davvero un motivo per ammazzarsi reciprocamente.

Così, vent’anni dopo,  l’unica preoccupazione dell’amministrazione Biden è quella di evacuare l’ambasciata americana. Ora che i marines sono partiti, in effetti, a chi può servire una rappresentanza così democratica in un Afghanistan dove la democrazia è stata tanto ampiamente esportata?

(m.s.)

13 agosto 2021

foto: screenshot tv

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • La potenza di Tom

    Ci sono immagini davvero potenti, che scuotono dalle fondamenta i più ancestrali drammi umani: quelli che teniamo reconditi, sepolti sotto la coltre di pregiudizi che ci impedisce di guardare...