Storia a storia

Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende...
Benito Mussolini

Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende il fine che ti prefiggi: fare storia o fare revisionismo storico? Fare storia o fare pettegolezzo anti-storico? Fare storia o far finta di fare della storia e lanciare sul mercato (povero) delle librerie un titolo eclatante con ben poche novità dentro le pagine?

Un libro su Mussolini, che dica netto e chiaro cosa è stato il fascismo e cosa è tutt’ora, lo vendi agli studenti, agli insegnanti e a una bella schiera di persone ma pur sempre troppo poche per farne un “best seller“. Esistono le eccezioni: Scurati ne è un esempio lampante.

Ma a discapito delle vespe che passano da porta a porta e finiscono per non sapere più dove sia l’uscita, due libri si possono consigliare proprio ai giovani. Soprattutto ai giovani. Li ha scritti entrambi Francesco Filippi: “Mussolini ha fatto anche cose buone” e “Ma perché siamo ancora fascisti“, editi entrambi da Bollati Boringhieri editore. Prima leggete la storia, poi concedetevi – se proprio volete – la pausa del gossip vespiano.

(m.s.)

foto: Wikipedia

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gli inventori

    Che peccato… Così tanta bellezza artistica, così tanta cultura e così tanta storia in mezzo a pedofilia, banchieri corrotti, affaristi senza scrupoli, traffici loschi… E tutto grazie all’invenzione di...
  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...