Storia a storia

Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende...
Benito Mussolini

Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende il fine che ti prefiggi: fare storia o fare revisionismo storico? Fare storia o fare pettegolezzo anti-storico? Fare storia o far finta di fare della storia e lanciare sul mercato (povero) delle librerie un titolo eclatante con ben poche novità dentro le pagine?

Un libro su Mussolini, che dica netto e chiaro cosa è stato il fascismo e cosa è tutt’ora, lo vendi agli studenti, agli insegnanti e a una bella schiera di persone ma pur sempre troppo poche per farne un “best seller“. Esistono le eccezioni: Scurati ne è un esempio lampante.

Ma a discapito delle vespe che passano da porta a porta e finiscono per non sapere più dove sia l’uscita, due libri si possono consigliare proprio ai giovani. Soprattutto ai giovani. Li ha scritti entrambi Francesco Filippi: “Mussolini ha fatto anche cose buone” e “Ma perché siamo ancora fascisti“, editi entrambi da Bollati Boringhieri editore. Prima leggete la storia, poi concedetevi – se proprio volete – la pausa del gossip vespiano.

(m.s.)

foto: Wikipedia

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Nel pallone

    L’idolatria mi è completamente aliena. Non la sopporto, mi regala inopportunamente una istantanea dell’umanità facile preda dell’isterismo collettivo, della partecipazione ossessivo-compulsiva ad un lutto che per molti è stanco...
  • Non è un’opinione

    Quell’insieme di parole che pretenderebbero di essere un editoriale, su un giornale nazionale apertamente di destra, che vorrebbero attribuire la responsabilità di uno stupro alla vittima, a colei che...
  • Mascherina in fumo

    Plaudo ai sindaci che vietano il fumo per strada in questa fase pandemica. Più si abbassano le mascherine e più il virus potenzialmente circola. Almeno i tabagisti fossero mossi...
  • Stateve accorte…

    Dalle mascherine abbassate sotto al naso a quelle sotto al mento, mentre si cammina in città dove non c’è nessuna garanzia di mantenere un metro, un metro e mezzo...