La sincerità di Sleepy Joe

Biden va a Bruxelles e parla di armamenti sempre più pesanti per il governo ucraino, ovviamente sostiene, perché è esso stesso, il più convinto atlantismo in un espansionismo della...
Joe Biden

Biden va a Bruxelles e parla di armamenti sempre più pesanti per il governo ucraino, ovviamente sostiene, perché è esso stesso, il più convinto atlantismo in un espansionismo della NATO che è una delle cause della guerra.

Dichiara che se Putin userà armi chimiche, la risposta statunitense ed atlantica ci sarà e sarà adeguata alla gravità dell’attacco.

Promette (anzi, forse già vende…) gas liquido all’Europa e alla nostra povera Italia draghiana, tuttavia non sufficiente nemmeno a coprire un decimo del fabbisogno di energia che attualmente comperiamo da Gazprom.

E poi, amarum in fundo, Biden va in Polonia e avvicina il confine della guerra dell’Occidente alla guerra scatenata dall’Est: fa visita alle truppe aviotrasportate che stanno a 25 km dall’Ucraina. Putin lancia alcuni missili su Leopoli e gli dà il benvenuto.

Biden risponde andando sopra le righe (ammesso vi siano ancora delle righe cui stare sotto…) e dando a Putin del “macellaio” (che indubbiamente è, come lo sono tanti strateghi occidentali, capi di Stato mediorientali e asiatici, americani e africani… Ce n’è per tutti questi signori di poteri più o meno grandi) e auspicando che i russi lo mettano da parte.

Poi la Casa Bianca lo corregge “interpretandolo“, perché di benzina buttata sul fuoco ce n’è già fin troppa… Ma ormai il danno è fatto.

O forse, come maliziosamente mi (dis)piace pensare, il presidente americano ha detto realmente ciò che politicamente pensava e ha mandato un messaggio chiarissimo, senza fraintendimenti, agli oligarchi che sorreggono Putin, al capitalismo finanziario russo e ai poteri militari che fanno da comprimari.

Le correzioni della Casa Bianca e la depressione del Pentagono sono comparse sulla scena del dramma che sta, di giorno in giorno, crescendo. Molto poco rossinianamente, molto, troppo tragicamente.

(m.s.)

27 marzo 2022

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • La bara di Shireen

    Non rispettano i vivi, perché mai dovrebbero rispettare i morti. E quando i vivi portano i morti sulle loro spalle, li accompagnano con le bandiere palestinesi e cercano di...
  • Il pene sul cappello

    Saranno anche “episodi“, “casi isolati“, “goliardie” cameratesche ma, comunque le si voglia chiamare, restano delle gran schifezze quasi predatorie. Mani morte, tentate slinguazzate, approcci sessuali più o meno spinti....
  • Mea et vestra culpa

    Adesso, via, forza… accusate nuovamente anche il papa di essere “putiniano“, caso mai non l’aveste già fatto. O, piuttosto, di essere un “pacifinto“, uno che vuole la pace “perché...
  • Invettiva in vettura

    La civiltà di un Paese, si diceva un tempo, la si poteva evincere dal modo in cui teneva le proprie carceri. Ho sempre pensato che fosse una mezza, ma...