Gabbie scolastiche

Domando: ma quindi i ragazzi entrano uno per volta. Uno per volta si siedono in quei loculi. Uno per volta si alzano se hanno bisogno di qualcosa, di andare...

Domando: ma quindi i ragazzi entrano uno per volta. Uno per volta si siedono in quei loculi. Uno per volta si alzano se hanno bisogno di qualcosa, di andare al bagno. Non possono spostarsi da quei rigidi confini claustrofobici?

Questi divisori in plastica e cartone sono mortificanti per l’animo umano, per l’intelligenza e non sconfiggono il Coronavirus.

La socialità non la si può annullare in questo modo becero. Seguire tutte le norme sanitarie va benissimo ed è un dovere morale, civile e sociale per proteggersi a vicenda.

Ma qui siamo all’ipocondria di Stato.

Una scuola che permette una roba del genere (non so francamente come altro definirla senza scadere nell’insulto) è l’antitesi della maturità. La scuola deve essere sinonimo di libertà nella crescita critica personale. Tutto ciò è irricevibile e va stigmatizzato.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • A Samuel Paty

    Se sento il nome di Samuel Paty penso alla scuola, penso a quei ragazzi francesi che studiavano con lui e che imparavano, a poco a poco, a vivere laicamente,...
  • La gentilezza è una carezza

    «Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere...
  • Decreti di redenzione

    Pare che dopo cinque riunioni al Ministero dell’Interno, finalmente le forze della maggioranza di governo abbiano trovato la quadra per superare l’ignominia dei “decreti sicurezza” di impronta giallo-verde. Ce...
  • L’esercito delle mascherine

    Le mascherine da mettere ogni giorno su tutto il territorio nazionale sono una misura che condivido. Ma si può fare tranquillamente a meno della presenza dell’esercito per le vie...