Gabbie scolastiche

Domando: ma quindi i ragazzi entrano uno per volta. Uno per volta si siedono in quei loculi. Uno per volta si alzano se hanno bisogno di qualcosa, di andare...

Domando: ma quindi i ragazzi entrano uno per volta. Uno per volta si siedono in quei loculi. Uno per volta si alzano se hanno bisogno di qualcosa, di andare al bagno. Non possono spostarsi da quei rigidi confini claustrofobici?

Questi divisori in plastica e cartone sono mortificanti per l’animo umano, per l’intelligenza e non sconfiggono il Coronavirus.

La socialità non la si può annullare in questo modo becero. Seguire tutte le norme sanitarie va benissimo ed è un dovere morale, civile e sociale per proteggersi a vicenda.

Ma qui siamo all’ipocondria di Stato.

Una scuola che permette una roba del genere (non so francamente come altro definirla senza scadere nell’insulto) è l’antitesi della maturità. La scuola deve essere sinonimo di libertà nella crescita critica personale. Tutto ciò è irricevibile e va stigmatizzato.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...