Dove son loro, non siamo noi

Fausto Bertinotti, ieri, su La 7 ha fatto una disamina completa e accurata in poche battute della situazione politica che viviamo. La prima domanda (non retorica, ma parzialmente tale...

Fausto Bertinotti, ieri, su La 7 ha fatto una disamina completa e accurata in poche battute della situazione politica che viviamo.
La prima domanda (non retorica, ma parzialmente tale visto che nessuno di noi è ingenuamente sprovveduto e allocco) è: davvero sorprende il distacco che c’è tra la rappresentazione che Renzi fa della società e il malessere sociale stesso che viene fuori dall’analisi del voto referendario.
Quel voto ci dice che la stragrande maggioranza dei cittadini tra i 18 e 45 anni ha votato per il NO, quindi ha votato per capovolgere lo status quo del renzismo, l’immobilismo parlamentare e la riduzione del Parlamento stesso ad appendice governativa.
Quel voto ci dice che il NO è anche un voto di rivolta, di messa al bando delle politiche liberiste, perché viene da giovani e persone di mezza età che non percepiscono l’orizzonte di un benché minimo futuro davanti a loro e alle loro famiglie.
Che Renzi e il PD non intercettino questo messaggio (volutamente) è significativo: vuol dire che intendono andare avanti sulla via delle controriforme sociali, del sostegno alle politiche economiche di Bruxelles e quindi penalizzare ancora i ceti più deboli.
Dove c’è il PD non può esservi, al contempo, la sinistra antiliberista e anticapitalista.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...