Come ti chiami?

Il “caso Sicilia” alimenta le tensioni nella presunta area di “centrosinistra”: poi dentro è coinvolto anche Alfano con un pezzo di centrodestra, ma poco contano i confini. Va di...

Il “caso Sicilia” alimenta le tensioni nella presunta area di “centrosinistra”: poi dentro è coinvolto anche Alfano con un pezzo di centrodestra, ma poco contano i confini.
Va di moda il “porte aperte”, l'”inclusività” e allora, nel sacro nome dell’impedire “alle destre” la scalata a Palazzo d’Orleans, si tenta di stare a galla, di provare la litania dello “spostiamo a sinistra il PD”, del “condizioniamo i processi politici”.
Tutte belle (si fa per dire) frasi per uno scenario che di alternativa di società non ha niente nel suo farsi programma politico. Ne è, anzi, il contrario.
Ma, si sa… si chiama “sinistra” ciò che è destra, oltre la destra già esistente. E, quindi, a noi tocca chiamarci in altro modo… forse “comunisti”?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Prima Gallera e mo’ ratti

    Ma di cosa vi meravigliate? Del fatto che l’assessore alla sanità della Regione Lombardia invochi il legame tra Prodotto interno lordo e numero di vaccini da poter somministrare alla...
  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...