A Liliana Segre

Chi non conosce la storia del Novecento, la genesi del fascismo e del nazismo, chi non conosce la storia del Terzo Reich è destinato ad odiare senza un motivo,...
La senatrice a vita Liliana Segre

Chi non conosce la storia del Novecento, la genesi del fascismo e del nazismo, chi non conosce la storia del Terzo Reich è destinato ad odiare senza un motivo, nella più vuota banalità del male. E’ destinato a votare spregevoli divulgatori di odio, discriminazione sessuale, razziale, culturale.

A questi maestri di odio fa paura proprio la critica ragionata, mentre accarezzano la leggera ignoranza di ciascuno di noi, la pesante rabbia che nasce dalla frustrazione antisociale creata dalle politiche liberiste.

Chi non conosce la storia del Novecento e dei fascismi, rischia di odiare senza motivo, di votare i portatori di questo odio e di servire alla fine alla causa della lenta consunzione della democrazia repubblicana.

Magari, chi oggi non conosce la storia del Novecento può, per iniziare, apprendere la vita di Liliana Segre e di come è sfuggita all’orrore dello sterminio. E’ un primo, importante passo. Fatelo.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...
  • Chi vuol esser l’inopportuno?

    L’inopportuno è colui che sbaglia i tempi di una battuta, che introduce in una conversazione una parola, una frase che proprio in quel contesto andrebbe del tutto evitata. L’inopportuno...