Per le strade di Trieste

Oltre cinquemila. Antifascisti, di tutti i colori, con tutte le loro bandiere, con tutte le loro belle differenze che uniscono nella pluralità di una lingua che è quella della...

Oltre cinquemila. Antifascisti, di tutti i colori, con tutte le loro bandiere, con tutte le loro belle differenze che uniscono nella pluralità di una lingua che è quella della libertà civile, sociale, politica e morale.
Per dire NO a Trieste al corteo dei neofascisti del nuovo millennio. Per dare ad una delle città simbolo di un confine tribolato, fatto di guerre e di contrasti etnici un senso di luogo della solidarietà e dell’incontro di culture che possono vivere insieme.
“Nostra patria è il mondo intero”. L’Italia è il nostro Paese. Il Paese ci unisce, la Patria ci divide. Quindi, evviva i cinquemila antifascisti che hanno sfilato per le vie di Trieste dove, per una volta, la campana di San Giusto può suonare senza sembrare la tromba di un fante su un campo di guerra…
Così Trieste è davvero libera a cento anni dalla prima grande carneficina mondiale.

(m.s.)

foto tratta dalla pagina Facebook di Left

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...