Per le strade di Trieste

Oltre cinquemila. Antifascisti, di tutti i colori, con tutte le loro bandiere, con tutte le loro belle differenze che uniscono nella pluralità di una lingua che è quella della...

Oltre cinquemila. Antifascisti, di tutti i colori, con tutte le loro bandiere, con tutte le loro belle differenze che uniscono nella pluralità di una lingua che è quella della libertà civile, sociale, politica e morale.
Per dire NO a Trieste al corteo dei neofascisti del nuovo millennio. Per dare ad una delle città simbolo di un confine tribolato, fatto di guerre e di contrasti etnici un senso di luogo della solidarietà e dell’incontro di culture che possono vivere insieme.
“Nostra patria è il mondo intero”. L’Italia è il nostro Paese. Il Paese ci unisce, la Patria ci divide. Quindi, evviva i cinquemila antifascisti che hanno sfilato per le vie di Trieste dove, per una volta, la campana di San Giusto può suonare senza sembrare la tromba di un fante su un campo di guerra…
Così Trieste è davvero libera a cento anni dalla prima grande carneficina mondiale.

(m.s.)

foto tratta dalla pagina Facebook di Left

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Ma è solo una pacca sul culo…

    Non è peggio, ma sembra esserlo: il chiedere scusa, il ridimensionare quel gesto, farne una sorta di estemporaneità comportamentale, come se una violenza fisica fosse riconducibile ad un ambito...
  • Ceto medio tax

    Ci speri per un attimo. Che il taglio delle tasse, per una volta, sia – se non proprio di matrice progressista (cosa del resto impossibile con un governo come...
  • Per l’obbligo vaccinale

    Forse è venuto il momento di rivendicare anche i diritti di noi vaccinati. Di persone che, con storie diverse – come è ovvio – ma con un identico fine,...
  • “…potranno trovare applicazione…”

    La direttiva del ministro Lamorgese, che è direttiva del governo intero (a meno che non sia stata contestata, smentita o criticata senza che lo si sia saputo), è un...