Inscindibili

La riforma è Renzi e Renzi è la riforma. Senza questo governo non ci sarebbe alcuna riforma costituzionale che tenta di stravolgere la Costituzione stessa. Ergo, questa controriforma è...

La riforma è Renzi e Renzi è la riforma. Senza questo governo non ci sarebbe alcuna riforma costituzionale che tenta di stravolgere la Costituzione stessa.
Ergo, questa controriforma è inseparabile dall’azione di governo.
Io avrei voluto non attribuirla al governo (avrebbe significato l’impossibilità non violata di vedere un esecutivo produrre dei cambiamenti costituzionali…), ma è proprio il governo che l’ha preparata su altrui disposizione: dei mercati, dei disegni di semplificazionismo delle regole di tutela sociali che ancora esistono e sono materia protetta dalla Carta del 1948.
Quindi, se parliamo della controriforma non possiamo fare a meno che darne un giudizio estendendolo all’esecutivo.
Votare “sì” è dare anche fiducia ad un atto quindi del governo.
Un atto grave che, pertanto, non avendo il governo la nostra fiducia, vedrà tantissimi bei NO vergati sulle schede di domenica prossima nelle cabine elettorali.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...