Fase 2: obiettivo insulto

Sarà anche vero ciò che settanta anni fa sosteneva Ghandi, cioè che prima ti ignorano, poi ti insultano, poi ti combattono e infine vinci, ma essere ignorati in un...

Sarà anche vero ciò che settanta anni fa sosteneva Ghandi, cioè che prima ti ignorano, poi ti insultano, poi ti combattono e infine vinci, ma essere ignorati in un Paese che si presuppone democratico è anzitutto una negazione della presunta democrazia medesima.
Almeno l’insulto è segno di riconoscibilità, di una qualche forma di interazione, di confronto – scontro. Ma far finta di niente, ignorare è escludere a priori. E’ una pregiudiziale inaccettabile. E tuttavia è una linea di comportamento di larga parte dei cosiddetti “mass media” che sono al servizio della classe dominante.
Almeno questo ci può consolare. Se ci esaltassero e ci elogiassero, significherebbe che c’è nel nostro progetto qualcosa che non va…
Per ora possiamo stare tranquilli. Finché ci ignorano possiamo sperare di passare alla fase successiva: l’insulto.
#poterealpopolo

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...