Fase 2: obiettivo insulto

Sarà anche vero ciò che settanta anni fa sosteneva Ghandi, cioè che prima ti ignorano, poi ti insultano, poi ti combattono e infine vinci, ma essere ignorati in un...

Sarà anche vero ciò che settanta anni fa sosteneva Ghandi, cioè che prima ti ignorano, poi ti insultano, poi ti combattono e infine vinci, ma essere ignorati in un Paese che si presuppone democratico è anzitutto una negazione della presunta democrazia medesima.
Almeno l’insulto è segno di riconoscibilità, di una qualche forma di interazione, di confronto – scontro. Ma far finta di niente, ignorare è escludere a priori. E’ una pregiudiziale inaccettabile. E tuttavia è una linea di comportamento di larga parte dei cosiddetti “mass media” che sono al servizio della classe dominante.
Almeno questo ci può consolare. Se ci esaltassero e ci elogiassero, significherebbe che c’è nel nostro progetto qualcosa che non va…
Per ora possiamo stare tranquilli. Finché ci ignorano possiamo sperare di passare alla fase successiva: l’insulto.
#poterealpopolo

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...