Eminenti signorini

Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...

Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome, come per l’abbazia di Umberto Eco ne “Il nome della rosa“) invece è una scelta.

Signori, mettetevi d’accordo: noi gay non scegliamo di essere malati e non siamo malati di scelta. Forse gli eterosessuali scelgono di esserlo? Ah già… è naturale… Noi gay invece non lo siamo. Siamo extranaturali, magari anche extravergini.

Quante repressioni di sé stessi, quanti pregiudizi autoindotti, quanto male vi fate e ci fate. A noi quasi cinquatenni ormai ben poco, ma pensate ai giovani che si affacciano a questo mondo e che vi sentono parlare.

Nel desiderio che spinge all’amore non c’è nessuna malattia e nessuna scelta. C’è l’essere quel che si è, senza sconfinare nella pena dell’ontologia.

Lasciateci “essere” e voi continuate pure a “sembrare” quello che non siete. Non abbiamo due vite per potervi capire nella prima e rifiutare nella seconda. Ne abbiamo una soltanto e anche breve. Fatevi di lato, fateci passare: dobbiamo vivere.

(m.s.)

Foto di 0805edwin da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...