E’ banale ma va detto

Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il...

Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il manico della padella.

Al momento sembrano i Cinquestelle ad essere riusciti a porre un freno alla frenesia salviniana di correre al voto e capitalizzare il consenso stimato dai sondaggi per la Lega.

Comunque, va già detto con tutta nettezza: se si forma una nuova maggioranza anche solo “desistenziale” e nasce un nuovo governo o se si va al voto immediato, la situazione per Salvini non cambia molto.

In entrambi i casi otterrà risultati più che positivi: sulla strutturazione di un nuovo esecutivo potrà costruire il canto dello splendido isolamento della Lega e, soprattutto, della completa “diversità” sia dal resto di un mondo politico fatto di “inciucioni“; se invece andremo alle urne, allora potrà fare man bassa dei consensi popolari con la solita inquietante propaganda disumana contro migranti, rom e col rosario in mano, stretto nel pugno scagliato nell’aere più e più volte.

Parole, gesti e intenzioni sono simbolicamente lì a dirci che, sia come sia, vada come vada, non ci attende nulla di buono…

Sarà banale dirlo, ma non è banale ricordarcelo.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Quarantena

    Per quanto riguarda il Coronavirus, vorrei dirvi che mi considero in quarantena rispetto a tutti i commenti in merito sui social. (m.s.) foto: screenshot Stampa in PDF questo articolo...
  • 1 su 5 (e non sono ovetti Kinder)

    Viste le meravigliose sorti e progressive dell’economia mondiale, europea ed italiana, al momento fonti non bolsceviche, ma facenti riferimento a serie riviste online che hanno studiato dati su dati,...
  • I fuorilegge

    Un deputato del partito che ha la fiamma tricolore nel simbolo, diretta erede del neofascista MSI (se ne facciano pure vanto), a sua volta diretto erede (o quasi…) del...
  • L’unica svastica bella…

    Le scritte antisemite, neonaziste, vergate con croci celtiche e insulti alle vittime dell’Olocausto, si moltiplicano nel Paese. Dalle porte delle case dei deportati fino alle mura delle scuole: accanto...