Datevi pace!

Il deterrente stabilito dal professor Alessandro Pace è sacrosanto. Serve a scoraggiare qualunque possibilità di manomissione del voto liberamente espresso nelle schede inviate in buste. Nei seggi possono esservi...

Il deterrente stabilito dal professor Alessandro Pace è sacrosanto. Serve a scoraggiare qualunque possibilità di manomissione del voto liberamente espresso nelle schede inviate in buste.
Nei seggi possono esservi i rappresentanti di lista. Ma il voto degli italiani all’estero è soggetto a passaggi che non hanno come terze presenze neutre i presidenti di seggio, gli scrutatori e, appunto, per ultimi proprio gli osservatori parziali ma plurali: i rappresentanti del “sì” e del “no”.
Serve solo trasparenza e correttezza.
Ma da questo passaggio, Renzi ne trae la propagandistica conclusione che non siamo sicuri di vincere.
Perché, forse lui è sicuro di vincere?
Se lo è, allora vuol dire che le percezioni comuni che abbiamo tutti, da Nord a Sud sono sbagliate, che il suo tour forsennato e quotidiano non è indispensabile. Può farne a meno.
E’ Renzi che ha il terrore di perdere. E fa bene ad averlo. Perché è concreto, reale e sempre più vicino alla concretizzazione.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...