Da sera a mattina la notizia si rivolta

Alla sera guardi la televisione e scopri che in Turchia c’è un colpo di stato in atto. Al mattino alle 7.45 comperi il giornale e scopri che il golpe...

Alla sera guardi la televisione e scopri che in Turchia c’è un colpo di stato in atto.
Al mattino alle 7.45 comperi il giornale e scopri che il golpe c’è e resiste.
Poi prendi in mano il telefonino, apri una applicazione di informazione e scopri che il colpo di stato è fallito e che i militari sono tutti arrestati e Erdogan, dato per disperso nei cieli di due continenti, è al suo posto.
Delle due l’una: o non ci sono più i colpi di stato d’una volta che duravano almeno un giorno intero, e dopo tre giorni avevi più o meno capito cos’era accaduto nel frattempo, oppure l’informazione immediata di Internet e tv ha ormai definitivamente relegato i giornali a strumenti di approfondimento e non più di cronaca.
Qualche incidente stradale, un po’ di cronaca nera: sono questi ancora i fatti che puoi raccontare ai lettori senza il timore che pochissime ore dopo arrivi un’agenzia e ti dia il contrordine per lo scolonnamento dei pezzi.
Eh no, non ci sono più le vecchie, calme notizie d’un tempo…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...