Da sera a mattina la notizia si rivolta

Alla sera guardi la televisione e scopri che in Turchia c’è un colpo di stato in atto. Al mattino alle 7.45 comperi il giornale e scopri che il golpe...

Alla sera guardi la televisione e scopri che in Turchia c’è un colpo di stato in atto.
Al mattino alle 7.45 comperi il giornale e scopri che il golpe c’è e resiste.
Poi prendi in mano il telefonino, apri una applicazione di informazione e scopri che il colpo di stato è fallito e che i militari sono tutti arrestati e Erdogan, dato per disperso nei cieli di due continenti, è al suo posto.
Delle due l’una: o non ci sono più i colpi di stato d’una volta che duravano almeno un giorno intero, e dopo tre giorni avevi più o meno capito cos’era accaduto nel frattempo, oppure l’informazione immediata di Internet e tv ha ormai definitivamente relegato i giornali a strumenti di approfondimento e non più di cronaca.
Qualche incidente stradale, un po’ di cronaca nera: sono questi ancora i fatti che puoi raccontare ai lettori senza il timore che pochissime ore dopo arrivi un’agenzia e ti dia il contrordine per lo scolonnamento dei pezzi.
Eh no, non ci sono più le vecchie, calme notizie d’un tempo…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Covid all’arancia

    Arancioni fuori, neri dentro. I tratti dei “forconi” da un lato, le presenze neofasciste dall’altro. Movimenti popolari: una ventina, dicono. Uniti, federati dietro lo striscione “Politici ladroni a casa!“....
  • Porte chiuse

    Stando così le cose, un “Libro bianco” sulla diffusione dell’epidemia da Covid-19 sarà necessario. Come ai tempi del G8 di Genova. Il problema sono sempre i fatti, che hanno...
  • La soglia del “voto”

    Se solo fosse possibile mostrare con grande semplicità, con una comunicazione diretta, immediata le enormi ingiustizie che i popoli subiscono ogni giorno da parte dei potenti al servizio di...
  • Gli imbecilli oltre il capitale

    Va bene, il capitalismo tutto contiene, tutto influenza, tutto produce e condiziona. Ma l’imbecillità di chi continua a negare che il Covid-19 sia una pandemia, minimizzandola, riducendo il tutto...