Avversari

Il gioco del meno peggio, almeno per me, è finito da tempo. Sulla base di questo pseudo divertimento al ricatto permanente si è logorata la democrazia parlamentare e si...

Il gioco del meno peggio, almeno per me, è finito da tempo. Sulla base di questo pseudo divertimento al ricatto permanente si è logorata la democrazia parlamentare e si è frustrato il Paese a morire di leaderismi e a dimenticare le idee, la connessione tra attualità del pragmatismo e prospettiva della trasformazione.
Chi già da anni e anni, da lustri, ha perso il gusto per la difesa dei diritti sociali e ha accettato trasformazioni politiche mostrandosi come ancora di sinistra e magari comunista, pensando di poterlo fare come se gli altri fossero dei servi sciocchi, ha sbagliato i conti. E i conti, come i nodi, vengono al pettine e alla tiratura della somma.
E la somma oggi è una sottrazione per quel 40% di ceto medio, di borghesia e di imprenditori uniti ad una piccola parte di popolo che si è fatto sedurre da promesse e banalità renziane, degne del peggiore berlusconismo d’antan.
Non mi spaventano gli avversari: ho sempre pensato che l’autonomia dei comunisti fosse tale solo in relazione alla diversità che rappresentano.
Il PD, i grillini, le destre storiche, sono tutti avversari miei. Non ne faccio motivo di orgoglio, ma ne faccio motivo di costruzione di una alternativa veramente di sinistra. E non un lento trascinarsi nella diatriba del governismo da ricercare a tutti i costi, dell’inseguimento di una idea di centrosinistra che è morta, più morta, cotta e stracotta di forze come Rifondazione Comunista che saranno anche marginali ma che sono ancora vive in qualche modo e che, nel loro piccolo, producono qualche azione in direzione di questa rinascita dell’alternativa.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...
  • Il sorriso di Alex

    Alex Zanardi ha messo tutto sé stesso negli sport che ha praticato. Sport veloci, dove l’adrenalina si fa sentire, dove la libertà si esprime proprio nell’accelerazione, nel distacco dalla...