Nostro

Una “logica” proprietaria, frutto di una egemonia culturale di destra, consente oggi di sentirsi padroni a casa propria, superiori per etnia (altri direbbero per razza), migliori perché maschi: più...

Una “logica” proprietaria, frutto di una egemonia culturale di destra, consente oggi di sentirsi padroni a casa propria, superiori per etnia (altri direbbero per razza), migliori perché maschi: più intelligenti, scaltri, arguti.
La retrocessione incivile che viviamo è alimentata da un degrado anti-culturale spaventoso.
Reti sociali, televisione e Internet in senso lato, da strumenti di espansione della conoscenza e dell’interazione tra mondi e culture differenti sono diventati l’opposto.
Hanno contribuito all’estremizzazione dell’individualismo e, quindi, ad un aumento dell’egoismo anche proprietario: delle nostre cose, delle nostre case, della nostra terra, delle nostre donne.
“Nostro” è parola che è stata usata e abusata intenzionalmente per rimarcare la “possessione”, quindi sia come aggettivo sia come pronome è diventato un indecoroso specchio dove riflettere le frustrazioni dell’ignoranza dilagante.
La superficialità e il pressapochismo si sono sostituiti, culturalmente e quindi anche socialmente, alla voglia di indagare, di studiare di approfondire e alla meticolosa ricerca della precisione. In ogni campo.
Quindi, la funzione pedegogico-politico-sociale delle comuniste e dei comunisti deve essere un punto fondante di ogni presente e futura nostra azione.
Senza questa disposizione di metodo e di merito, non c’è alcuna sinistra possibile per costruire una alternativa di società.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gli inventori

    Che peccato… Così tanta bellezza artistica, così tanta cultura e così tanta storia in mezzo a pedofilia, banchieri corrotti, affaristi senza scrupoli, traffici loschi… E tutto grazie all’invenzione di...
  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...