Noi parliamo. Sempre.

Noi parliamo di migranti perché i migranti sono sotto attacco. Noi parliamo di “froci” perché spesso i “froci” sono sotto l’indice puntato del pregiudizio. Noi parliamo di “negri” perché...

Noi parliamo di migranti perché i migranti sono sotto attacco.
Noi parliamo di “froci” perché spesso i “froci” sono sotto l’indice puntato del pregiudizio.
Noi parliamo di “negri” perché sovente il colore della pelle è e rimane una discriminante forte, presuntuosa, determinata a rimanere tale nonostante “La capanna dello zio Tom” e Barack Obama alla Casa Bianca.
Poi noi parliamo di sindacalisti uccisi da chi esercita i propri sporchi interessi usando ogni giorno la sofferenza dei migranti negri, magari anche “froci”.
Tutto ciò che un essere umano, uomo o donna, può essere già oggi o diventare domani, ciò che importa è che non lo diventi a causa dello sfruttamento e del pregiudizio, ma per libera propria scelta di vita.
Ecco perché parliamo sempre di lavoratori, di sfruttati che sono anche “negri”, “froci” o, semplicemente, gli ultimi della terra…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...
  • 100 contro 520

    E’ la fine di un luglio ovviamente caldo: dalle nostre case alle caserme sequestrate, fino ai casotti, le casematte, quei centri di accoglienza che diventano l’esatto contrario del loro...