Noi parliamo. Sempre.

Noi parliamo di migranti perché i migranti sono sotto attacco. Noi parliamo di “froci” perché spesso i “froci” sono sotto l’indice puntato del pregiudizio. Noi parliamo di “negri” perché...

Noi parliamo di migranti perché i migranti sono sotto attacco.
Noi parliamo di “froci” perché spesso i “froci” sono sotto l’indice puntato del pregiudizio.
Noi parliamo di “negri” perché sovente il colore della pelle è e rimane una discriminante forte, presuntuosa, determinata a rimanere tale nonostante “La capanna dello zio Tom” e Barack Obama alla Casa Bianca.
Poi noi parliamo di sindacalisti uccisi da chi esercita i propri sporchi interessi usando ogni giorno la sofferenza dei migranti negri, magari anche “froci”.
Tutto ciò che un essere umano, uomo o donna, può essere già oggi o diventare domani, ciò che importa è che non lo diventi a causa dello sfruttamento e del pregiudizio, ma per libera propria scelta di vita.
Ecco perché parliamo sempre di lavoratori, di sfruttati che sono anche “negri”, “froci” o, semplicemente, gli ultimi della terra…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...
  • Schwa

    Anche la lingua italiana merita rispetto. Lo (o la) “schwa” è un non senso grammaticale, è un vezzo modernista che non risolve il problema del presunto maschilismo fonetico, grafico...