Nel pallone

L’idolatria mi è completamente aliena. Non la sopporto, mi regala inopportunamente una istantanea dell’umanità facile preda dell’isterismo collettivo, della partecipazione ossessivo-compulsiva ad un lutto che per molti è stanco...
Diego Armando Maradona

L’idolatria mi è completamente aliena. Non la sopporto, mi regala inopportunamente una istantanea dell’umanità facile preda dell’isterismo collettivo, della partecipazione ossessivo-compulsiva ad un lutto che per molti è stanco rito, per altri è occasione di risveglio momentaneo e per tanti è seguire la grande massa che poderosa avanza nella più ostentata banalità di frasi e parole vuote, retoriche, inascoltabili e purtroppo audibili, illeggibili e purtroppo visibili.

Maradona è morto. Riposi in pace. Amen. Shalom, tutto quello che si vuole.

Ma gli occhi fuori dalle orbite, le squarciagole che ne ritmano il nome, i fumogeni, gli striscioni, i giorni di lutto, le strade, le vie dedicate come gli stadi, di là e di qua dall’oceano, la valanga social che tutto invade, che supera giornali telematici, cartacei, programmi televisivi, speciali di ore e ore, canzoni alla radio, file di lumini accesi davanti allo stadio partenopeo, già illuminato apposta per la triste occasione.

Maradona è morto, dio chissà se esiste e tra poco torneremo alla normalità di ogni giorno: sentire parlare di Covid dalla mattina alla sera. Oh, che bel vivere!

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...
  • Chi vuol esser l’inopportuno?

    L’inopportuno è colui che sbaglia i tempi di una battuta, che introduce in una conversazione una parola, una frase che proprio in quel contesto andrebbe del tutto evitata. L’inopportuno...