Mercati tranquilli. Renzi sempre meno

Si avvicina il referendum e la parola “spread” torna prepotentemente di moda. Sulle pagine dei giornali e su Internet si fa sfoggio del timore, della paura costante: chissà cosa...

Si avvicina il referendum e la parola “spread” torna prepotentemente di moda. Sulle pagine dei giornali e su Internet si fa sfoggio del timore, della paura costante: chissà cosa accadrà allo “spread” se vince il NO! Chissà mai quale cataclisma economico ci potrà venire tra capo e collo!
Ma è di pochi giorni fa la notizia che anche i mercati ora sembrano non credere più alla favoletta renziana della palingenesi postreferendaria. Standard and Poors Italia, tra le altre agenzie di cosiddetto “rating”, ha affermato che non vi sarebbe nessuna catastrofe se vincesse il NO e che le vie delle transazioni finanziarie passano per altre strettoie, hanno altre preoccupazioni. Una fra tutte? Donald J. Trump. I signori del “sì” sono serviti.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...