L’unica svastica bella…

Le scritte antisemite, neonaziste, vergate con croci celtiche e insulti alle vittime dell’Olocausto, si moltiplicano nel Paese. Dalle porte delle case dei deportati fino alle mura delle scuole: accanto...

Le scritte antisemite, neonaziste, vergate con croci celtiche e insulti alle vittime dell’Olocausto, si moltiplicano nel Paese.

Dalle porte delle case dei deportati fino alle mura delle scuole: accanto alla stella di Davide, il tentativo di sdoganamento quotidiano di frasi che incitano all’odio, alla violenza, alla discriminazione razziale e delle minoranze.

Una comunità democratica, civile, sociale dovrebbe cancellare subito questi sfregi alla democrazia, questi inni alla disumanità, trasformando svastiche e simboli del Terzo Reich e del fascismo in disegni frutto della più bella fantasia.

Come fanno in Germania alcuni writers (Fanpage.it ne parlò già alcuni anni fa: qui l’articolo): vanno alla ricerca delle svastiche e con bombolette e immaginazione le rendono l’esatto opposto.

Al nero monotono del neofascismo si aggiungono i più diversi colori: la croce uncinata diventa una casa, un coniglio rosa, un gatto che fa una simpatica linguaccia ai passanti, una mosca che sta per essere acchiappata da un retino o un egiziano antico sorridente.

Anche la svastica può essere bella: quando viene cancellata da muri, porte e portoni. Ma non dalla memoria comune, non dalla storia d’Europa e del mondo.

(m.s.)

foto: screenshot

 

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...