L’unica svastica bella…

Le scritte antisemite, neonaziste, vergate con croci celtiche e insulti alle vittime dell’Olocausto, si moltiplicano nel Paese. Dalle porte delle case dei deportati fino alle mura delle scuole: accanto...

Le scritte antisemite, neonaziste, vergate con croci celtiche e insulti alle vittime dell’Olocausto, si moltiplicano nel Paese.

Dalle porte delle case dei deportati fino alle mura delle scuole: accanto alla stella di Davide, il tentativo di sdoganamento quotidiano di frasi che incitano all’odio, alla violenza, alla discriminazione razziale e delle minoranze.

Una comunità democratica, civile, sociale dovrebbe cancellare subito questi sfregi alla democrazia, questi inni alla disumanità, trasformando svastiche e simboli del Terzo Reich e del fascismo in disegni frutto della più bella fantasia.

Come fanno in Germania alcuni writers (Fanpage.it ne parlò già alcuni anni fa: qui l’articolo): vanno alla ricerca delle svastiche e con bombolette e immaginazione le rendono l’esatto opposto.

Al nero monotono del neofascismo si aggiungono i più diversi colori: la croce uncinata diventa una casa, un coniglio rosa, un gatto che fa una simpatica linguaccia ai passanti, una mosca che sta per essere acchiappata da un retino o un egiziano antico sorridente.

Anche la svastica può essere bella: quando viene cancellata da muri, porte e portoni. Ma non dalla memoria comune, non dalla storia d’Europa e del mondo.

(m.s.)

foto: screenshot

 

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...