La vittima (quale?)

Uno stupro è prima di tutto una violenza, un vilipendio fisico e morale di una persona. Chiunque essa sia. È una condanna prima per la vittima che per lo...
Beppe Grillo nel video sul caso del figlio accusato di stupro

Uno stupro è prima di tutto una violenza, un vilipendio fisico e morale di una persona. Chiunque essa sia. È una condanna prima per la vittima che per lo stupratore: il processo interiore di autocondanna, innescato dal senso di colpa per non aver saputo fronteggiare quella violenza, è ciò che di più ingiusto ci si può infliggere per continuare a vivere, per superare magari la tentazione di uscire da una vita che si sente non più propria.

Lacerata, strappata, offesa fin dentro la più nuda intimità dell’animo, dei sentimenti. Lo stupro poi, solo poi, è anche un gravissimo reato. Non c’è attenuante che tenga: ubriachezza, tempo che intercorre tra il fatto e la denuncia… Nulla può lenire quella colpa che non è tale, nulla può anche lontanamente giustificare lo stupro.

Ogni minimizzazione è corresponsabilità diretta o indiretta. È un tentativo di depistaggio dell’opinione pubblica che non sempre si fa addomesticare. Nemmeno davanti ad un ex tribuno delle folle che di prove di incoerenza ne ha già date tante. Una in più, si dirà, non fa differenza. Ed invece la fa, eccome: perché non tutti hanno un padre che è personaggio pubblico televisivo e teatrale oltre ad essere una specie di leader politico.

Chi ha sempre invocato la giustizia a tutti i costi e con le più pesanti manette, oggi si trova a tuonare contro procuratori, giudici, avvocati, giornalisti. Tutti brutto, sporchi e cattivi. Ma, prima di tutto, l’invettiva è contro una ragazza a cui non viene dato lo stesso beneficio di garantismo che si pretende per il proprio figlio.

Urlando a squarciagola non si fa un favore a nessuno: si mostra solamente di essere – seppure involontariamente – un pessimo, davvero pessimo avvocato della propria posterità…

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Italia – Mondo

    Mario Draghi urbi et orbi: «Siamo pronti ad accogliere il mondo in Italia». Ci vuole poco a superare la sinistra in buonismo ed accoglienza. E ora chi glielo spiega...
  • Per la memoria divisiva

    Il 28 aprile 1945 Mussolini veniva fucilato in nome del popolo italiano, per aver instaurato una dittatura feroce e sanguinaria per oltre vent’anni; per aver legalizzato il razzismo nel...
  • Ma intanto sono muti…

    Dunque pare deciso: le acque radioattive usate per raffreddare la centrale nipponica di Fukushima saranno riversate nell’Oceano Pacifico. Secondo il governo di Tokyo è la migliore soluzione possibile: i...
  • Concetti semplici

    Chiarezza, chiarezza sui vaccini. Su benefici e rischi. Le interviste di virologi rassicurano. Rassicuriamoci. Intanto le domande, i dubbi però diventano una tempesta cerebrale: fidarsi, non fidarsi? Affidiamoci ai...