La gentilezza è una carezza

«Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere...

«Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere tanto, per farsi sentire e per comunicare universalmente le fondamenta di comportamenti etici che devono essere per questo civili, civici, individuali e sociali.

E’ stato il papa ad esprimersi così, nell’udienza del mercoledì in Vaticano. Un cenno della mano ai fedeli e quella frase, quasi una carezza invisibile che ha voluto raggiungere con la gentilezza le persone che si aspettavano, magari nonostante il Covid-19, di vedere Francesco passare in mezzo a loro come sempre.

Non importa che sia stato il papa ad esprimersi in questo modo. Importa che la gentilezza sia divenuta un ponte di collegamento tra le persone. Si possono accorciare le distanze, in tante occasioni. Senza ruffianeria, senza piaggeria. Semplicemente con la gentilezza, con la compassione e la comprensione delle sofferenze altrui e reciproche.

(m.s.)

Foto di PicLily da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...