La gentilezza è una carezza

«Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere...

«Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere tanto, per farsi sentire e per comunicare universalmente le fondamenta di comportamenti etici che devono essere per questo civili, civici, individuali e sociali.

E’ stato il papa ad esprimersi così, nell’udienza del mercoledì in Vaticano. Un cenno della mano ai fedeli e quella frase, quasi una carezza invisibile che ha voluto raggiungere con la gentilezza le persone che si aspettavano, magari nonostante il Covid-19, di vedere Francesco passare in mezzo a loro come sempre.

Non importa che sia stato il papa ad esprimersi in questo modo. Importa che la gentilezza sia divenuta un ponte di collegamento tra le persone. Si possono accorciare le distanze, in tante occasioni. Senza ruffianeria, senza piaggeria. Semplicemente con la gentilezza, con la compassione e la comprensione delle sofferenze altrui e reciproche.

(m.s.)

Foto di PicLily da Pixabay

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • La repressione giusta

    Ammiro ancora ora gli operatori dello spettacolo che manifestarono in piazza del Duomo a Milano, distanziati, ordinati, regalando una immagine quasi emblematica nella pandemia che sfianca quasi tutti. Non...
  • Damme li quattrini!

    La pandemia impoverisce gli animi, defrauda le tasche dei più poveri, spersonalizza ed aliena. Crea un senso di pienezza del niente che è un rimbombo assordante. Cresce ogni giorno,...
  • 100 sorrisi per Gianni Rodari

    Se penso a Gianni Rodari le prime immagini che mi vengono in mente sono disegni di bambini. Disegni sulle “Filastrocche in cielo e in terra“, trenini azzurri, visetti sorridenti...
  • A Samuel Paty

    Se sento il nome di Samuel Paty penso alla scuola, penso a quei ragazzi francesi che studiavano con lui e che imparavano, a poco a poco, a vivere laicamente,...