Il giallo dell’estate

Ogni giorno non manca la novità improvvisa nel campo in cui giocano una partita strana (ma davvero poi lo è?) Partito democratico, Giuliano Pisapia e tutti coloro che aspirano...

Ogni giorno non manca la novità improvvisa nel campo in cui giocano una partita strana (ma davvero poi lo è?) Partito democratico, Giuliano Pisapia e tutti coloro che aspirano a ricostruire il centrosinistra.
Lo sforzo di oggi, anzi quello di ieri, è fare fronte contro Renzi sulla legge elettorale per costringerlo ad accettare un “premio di coalizione”.
Se così fosse, si aprirebbe a settembre lo scenario della discussione di una nuova legge elettorale impostata non più su criteri proporzionali ma su una riedizione del Mattarellum con la previsione delle coalizioni.
Benedette coalizioni! Saranno la salvezza di alcuni e la dannazione di altri. Difficile partita quella in gioco, sempre con due contendenti che si trovano involontariamente alleati e a turno. Imprevedibilità, suspence… Il giallo dell’estate continua ad essere caldamente servito…
Per sapere chi sarà l’assassino della democrazia per l’ennesima volta tocca aspettare ancora qualche settimana.
Intanto… tutti al mare!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...