Il disarmo dell’odio

L’8 settembre è una data che ricordano forse troppe poche persone, troppi pochi “cittadini”, quindi “esseri sociali” detta marxianamente. Eppure fu da questa data che la distrutta “Patria” italica...

L’8 settembre è una data che ricordano forse troppe poche persone, troppi pochi “cittadini”, quindi “esseri sociali” detta marxianamente.
Eppure fu da questa data che la distrutta “Patria” italica provò a trovare la riscossa come “Nazione” e divenne poi una Repubblica nel dopoguerra.
Eppure, nonostante l’8 settembre, ancora oggi senzo che la patria non mi appartiene, che la nazione mi è indifferente e che solo la repubblica mi sta a cuore.
La repubblica, quindi il popolo. Il popolo, quindi quella parte di popolo che è indigente, sfruttata, depressa, piena di paura e anche di odio, fomentato da chi si mostra amico dei deboli e ne è il peggiore avversario perché – per prima cosa – non mette in discussione il sistema capitalistico.
L’8 settembre va studiato, così come la complessa realtà italiana (e non solo) che viviamo quotidianamente.
Disarmatevi dell’odio, imbracciate solo i libri.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...
  • La potenza di Tom

    Ci sono immagini davvero potenti, che scuotono dalle fondamenta i più ancestrali drammi umani: quelli che teniamo reconditi, sepolti sotto la coltre di pregiudizi che ci impedisce di guardare...