Il Cile, punto focale dell’arretramento storico

“Le proteste erano iniziate a causa di un aumento del costo dei biglietti dei trasporti pubblici ma, nonostante il ritiro del provvedimento da parte del governo di Sebastián Piñera, la...

“Le proteste erano iniziate a causa di un aumento del costo dei biglietti dei trasporti pubblici ma, nonostante il ritiro del provvedimento da parte del governo di Sebastián Piñera, la protesta non si è fermata e anzi si è allargata nonostante il coprifuoco decretato nel fine settimana. La gente è obbligata a restare in casa e non potrà uscire dalle 9 di sera alle 7 del mattino. Chi sarà costretto a farlo dovrà avere un’autorizzazione speciale. Le strade e le piazze della capitale sono già presidiate dai carri armati e dai blindati dei militari che controllano il rispetto della misura.”.

In Cile la ribellione di un popolo impoverito sta precipitando dentro a una repressione violenta che, per la prima volta dalla fine della dittatura di Pinochet, vede protagonista l’esercito tornato sulle strade e sulle piazze per affermare il potere di chi intende prima di tutto sconfiggere la democrazia.

Per noi che abbiamo vissuto la tragica stagione del ’73 queste immagini ci fanno tornare pericolosamente all’indietro: per il mondo si tratta di un segnale, l’ennesimo, di grande pericolo per la libertà di tutti.

Il Sud America sta affondando, in alcune delle sue parti decisive, nel grande mare della corruzione liberista in un delirio di insopportabile ingiustizia e disuguaglianza sociale.

In realtà il ripresentarsi sulla scena del dispotismo esercitato da una destra sempre più estrema si accompagna al ritorno della guerra come rischio globale, al riperpetuarsi dei sovranismi, alla crescita delle sollevazioni delle “piccole patrie”: emerge un pericoloso “disordine” geo politico che si sta realizzando in una fase che sembra quella conclusiva di quel ciclo che, dagli anni’90 del XX secolo, avevamo definito come “globalizzazione”.

Probabilmente all’interno di questa crisi è stata trascurata l’analisi di alcuni elementi: primo fra tutti quello riguardanti le difficoltà incombenti sulle democrazie liberali in coincidenza con la caduta, in Europa, dei regimi a cosiddetta “rivoluzione avvenuta”; in secondo luogo lo smarrimento di una soggettività internazionalista posta sul piano della difesa della pace e dei diritti dei popoli; si è pensato a un processo troppo rapido di cessione di sovranità da parte dello “stato nazione”; ancora è stata sottovalutata la ripresa di una logica di tipo colonialista esercitata soprattutto verso l’Africa, le cui condizioni demografiche, di mancato sviluppo energetico e tecnologico, di conflitto endemico, hanno influito fortemente sullo stato globale del pianeta.

Anche il tema ambientale, oggi agitato con grande forza, deve essere inquadrato non come nuova contraddizione esaustivamente globale ma all’interno di un più complessivo tema politico, del quale si è mancato nel tracciare alcune possibili coordinate di riferimento.

Quale segnale ci arriva, allora, dal ritorno in piazza dei cileni e dal fatto che la risposta del governo arriva attraverso i carri armati?

Il Cile appare, infatti, come punto emblematico di quel discorso sull’arretramento storico e sull’impoverimento generale che sembra caratterizzare – appunto – la fine del ciclo della globalizzazione.

Si sta definendo un quadro geo politico caratterizzato da scenari inediti sul piano delle intese a livello planetario: interi continenti sono staccati da una possibilità di sviluppo delle forze produttive; siamo a una sindrome isolazionista da parte di grandi potenze all’interno delle quali si avviluppa la spirale del corporativismo mentre crescono anche nel “primo mondo” molteplici forme di povertà e di privazione del futuro.

Sembra chiudersi anche il cosiddetto “ciclo atlantico” che aveva caratterizzato la lunga fase del post seconda guerra mondiale che forse, anch’essa, si conclude proprio adesso per dar vita a una fase di transizione imprevedibile nelle dinamiche e, conseguentemente, negli esiti.

FRANCO ASTENGO

23 ottobre 2019

foto: screenshot

categorie
Franco Astengo



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli