Ghandi ne sarebbe felice!

Eppur si muove! Anche in India. L’omosessualità non è più reato. Fino a poche ore fa nella grande nazione asiatica di Ghandi, per 157 anni, essere gay, lesbica o...

Eppur si muove! Anche in India. L’omosessualità non è più reato. Fino a poche ore fa nella grande nazione asiatica di Ghandi, per 157 anni, essere gay, lesbica o transessuale significava adottare comportamenti di offesa “contro la natura”.
Oggi la natura in India è più bella, si arricchisce di un valore: il riconoscimento che siamo tutte e tutti uguali e che le istintività, le propensioni del cuore, i desideri dell’animo non sono mai contro natura ma seguono ciò che già esiste: una mente, un corpo che sono naturali.
E’ un grande riconoscimento per le lotte in favore della continua evoluzione ed espansione dei diritti civili. E’, per l’appunto, una conquista di civiltà.
Ghandi ne sarebbe certamente felice.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...
  • La potenza di Tom

    Ci sono immagini davvero potenti, che scuotono dalle fondamenta i più ancestrali drammi umani: quelli che teniamo reconditi, sepolti sotto la coltre di pregiudizi che ci impedisce di guardare...