Coscienza e identità: l’implosione del PD

Anni fa mi auguravo l’implosione dell’ “anomalia politica italiana”: il PD. Pensavo allora che dalla fine di questo universalismo che comprende socialdemocratici e cattolici, liberali e liberisti, non potesse...

Anni fa mi auguravo l’implosione dell’ “anomalia politica italiana”: il PD. Pensavo allora che dalla fine di questo universalismo che comprende socialdemocratici e cattolici, liberali e liberisti, non potesse che nascere una ridefinizione del panorama politico e sociale più rispettosa degli equilibri culturali e sociali del Paese.
Oggi continuo a pensare che sia meglio l’implosione rispetto al mantenimento in vita del PD.
Ho dei dubbi sul ritorno di aderenza che le parti scisse potrebbero avere: la popolazione è stata modificata nei convincimenti, nelle linee guida, nell’interpretazione anche flebile della società che è essa stessa e che autoalimenta ogni giorno.
Sinistra, centro e destra sono categorie elastiche, liquide.
Troppi che non sono di sinistra si dicono di sinistra. E troppi che sono di destra fingono di essere di centro.
Molti che sono peronisti, quindi una mescolanza di socialismo e fascismo, adottano poi colori differenti e fanno storia a parte.
Le identità contano. Le identità sono espressione della coscienza.
Per troppo tempo, e anche oggi, ci si è allontanati con orgoglio dalla precisione delle identità: ed oggi può dirsi di sinistra tanto Renzi quanto Marco Sferini.
C’è, dunque, qualcosa che non va e continua a non andare per il verso giusto.
Va bene dirsi di sinistra, ma preferisco essere e dirmi comunista in questo 2017 dove nel “campo progressista” andranno a rientrare un po’ tutti quelli che sdegnano gli aggettivi, che vogliono continuare a vivere di sostantivi e che finiranno per sostenere ancora una volta le solite riforme liberiste, illudendosi nel migliore dei casi, ed essendo corresponsabili nel peggiore, di spostare a sinistra l’asse di un governo contro il pericolo delle destre.
L’identità è frutto della coscienza. Ne vedo molta poca in giro: sia di coscienza e, quindi, anche di identità.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...