Ascolta, o popolo ignorante!

La Camera dei Deputati ha approvato una normativa che introduce nel Paese il reato di “propaganda fascista” laddove chiunque esponga o faccia uso di simboli, manifesti, slogan o altro...

La Camera dei Deputati ha approvato una normativa che introduce nel Paese il reato di “propaganda fascista” laddove chiunque esponga o faccia uso di simboli, manifesti, slogan o altro facenti riferimento all’armamentario razzista, xenofobo e di suprematismo politico e antisociale del fascismo e del nazionalsocialismo.
Hanno votato contro le destre, il Movimento 5 Stelle e i verdiniani.
Per la verità questa materia di legiferazione doveva già essere implicita nella condanna costituzionale che ha oltre settanta anni, laddove ci si dichiara Paese antifascista, laddove si fa esplicito divieto alla ricostituzione “sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista”.
Ma la verità soccombe davanti all’evidenza: i rigurgiti neofascisti avanzano, la propaganda che si rifà al ventennio più nefasto per l’Italia torna in auge supportata da qualche movimento che non nega di avere come riferimento Mussolini e il fascismo.
Si va, dunque a monte, si sciolgono questi movimenti, si fa cultura nelle scuole e si insegna per davvero cosa è stato il fascismo per l’Italia.
Non mancavano le leggi, non c’era nessuna “vacatio legis” da coprire. La vera “vacatio” è l’analfabetismo politico e civico di ritorno, quindi storico: perché molto poco si conosce, con l’avanzare degli anni e con le generazioni nuovi che emergono, la storia d’Italia, soprattutto quella recente, di mezzo e più secolo fa. Ci si ferma alla Prima guerra mondale. Tutto il resto è opinabile.
E quando non si conosce, è fin troppo facile scendere sul terreno di semplificazioni e di revisionismi di fatti che non hanno la necessità di essere provati ma solo di essere appresi.
Il bisogno di una legge simile, seppure meritoria, ci dice che il dramma che viviamo è la dimenticanza, l’oblio, la non conoscenza, l’ignoranza. Un popolo ignorante va incontro a catastrofi inimmaginabili.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



politiche 2022

ecosocialismo



altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...