Zitto

Un bel tacer non fu mai scritto… si dice. Per me non fu mai detto. A volte è meglio non intervenire, tacere, silenziarsi perché si vuole bene alle compagne...

Un bel tacer non fu mai scritto… si dice. Per me non fu mai detto.
A volte è meglio non intervenire, tacere, silenziarsi perché si vuole bene alle compagne e ai compagni e non è il caso di rovinare dei sogni di gloria dettati dall’1% e da magnifici sondaggi post-voto che raddoppiano questo grande risultato.
A volte, dunque, è meglio tacere per amore, per pietà forse anche un poco.
A volte è meglio tacere per non disilludere con delle critiche un entusiasmo fondato su una completa assenza di osservazione a 360° della attuale composizione politica della società italiana.
Per questo, ho taciuto.
Ma continuerò a parlare. A scrivere. A dire la mia nonostante chi pensa che sia uno spreco di parole, una composizione di fisime politiche non utili alla concretezza invece del “fare”.
Il fare senza il pensare è un esercizio meccanico che può avere un ruolo solo fine a sé stesso. Non produce nulla in quanto a futuro: è, in sostanza, una ipocrita forma di riformismo.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Ceto medio tax

    Ci speri per un attimo. Che il taglio delle tasse, per una volta, sia – se non proprio di matrice progressista (cosa del resto impossibile con un governo come...
  • Per l’obbligo vaccinale

    Forse è venuto il momento di rivendicare anche i diritti di noi vaccinati. Di persone che, con storie diverse – come è ovvio – ma con un identico fine,...
  • “…potranno trovare applicazione…”

    La direttiva del ministro Lamorgese, che è direttiva del governo intero (a meno che non sia stata contestata, smentita o criticata senza che lo si sia saputo), è un...
  • Accollarselo

    Anche soltanto l’ipotesi di insediare al Colle un pregiudicato, uno che considera le donne alla stregua di meretrici al servizio ora di un uomo, ora di un politico, ora...