Zitto

Un bel tacer non fu mai scritto… si dice. Per me non fu mai detto. A volte è meglio non intervenire, tacere, silenziarsi perché si vuole bene alle compagne...

Un bel tacer non fu mai scritto… si dice. Per me non fu mai detto.
A volte è meglio non intervenire, tacere, silenziarsi perché si vuole bene alle compagne e ai compagni e non è il caso di rovinare dei sogni di gloria dettati dall’1% e da magnifici sondaggi post-voto che raddoppiano questo grande risultato.
A volte, dunque, è meglio tacere per amore, per pietà forse anche un poco.
A volte è meglio tacere per non disilludere con delle critiche un entusiasmo fondato su una completa assenza di osservazione a 360° della attuale composizione politica della società italiana.
Per questo, ho taciuto.
Ma continuerò a parlare. A scrivere. A dire la mia nonostante chi pensa che sia uno spreco di parole, una composizione di fisime politiche non utili alla concretezza invece del “fare”.
Il fare senza il pensare è un esercizio meccanico che può avere un ruolo solo fine a sé stesso. Non produce nulla in quanto a futuro: è, in sostanza, una ipocrita forma di riformismo.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...
  • Il sorriso di Alex

    Alex Zanardi ha messo tutto sé stesso negli sport che ha praticato. Sport veloci, dove l’adrenalina si fa sentire, dove la libertà si esprime proprio nell’accelerazione, nel distacco dalla...