Trasecolandia

Dunque, avete capito: l’allarme razzismo è colpa della sinistra. Siamo noi che urliamo contro gli sbarchi, che pretendiamo che, vi sia necessità o meno, tutto vada prima agli italiani....

Dunque, avete capito: l’allarme razzismo è colpa della sinistra.
Siamo noi che urliamo contro gli sbarchi, che pretendiamo che, vi sia necessità o meno, tutto vada prima agli italiani.
Siamo noi che mandiamo la marina militare al largo delle coste, che lasciamo in mare per giorni e giorni le navi delle tanto odiate e vituperate organizzazioni non governative con centinaia di migranti a bordo, in balia delle onde e del sole estivo…
Siamo noi che diffondiamo il razzismo. Sì, perché siamo “buonisti”, perché non ci siamo rassegnati, nonostante l’ondata violenta di parole e di azioni che sta invadendo il Bel Paese, a perdere la pazienza.
Siamo noi quelli privi di orgoglio nazionale, di amore verso l’Italia: vogliamo solo che ci si arrabbi, che si maledica il multiculturalismo, che si faccia cenno ogni tanto al concetto di razza in quanto colore.
Siamo noi quelli che sui “social” fanno vere e proprie campagne di disprezzo e di crudeltà contro altri esseri umani… Umani… voi li chiamate umani?
Dipende a quali umani vi riferite…
Non chiedetelo a noi… Non sapevamo nemmeno di essere razzisti e xenofobi…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gli inventori

    Che peccato… Così tanta bellezza artistica, così tanta cultura e così tanta storia in mezzo a pedofilia, banchieri corrotti, affaristi senza scrupoli, traffici loschi… E tutto grazie all’invenzione di...
  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...