Se il PD implode, è un bene

Guardate come la vittoria del 4/5 dicembre scorso si mostra sempre più imponente è importante: abbiamo salvato la Costrituzione, abbiamo cacciato Renzi da Palazzo Chigi pur non potendo impedire...

Guardate come la vittoria del 4/5 dicembre scorso si mostra sempre più imponente è importante: abbiamo salvato la Costrituzione, abbiamo cacciato Renzi da Palazzo Chigi pur non potendo impedire la proposta di sostituzione con un governo-fotocopia e ora i primi segnali di implosione del PD con il “ConSenso” di D’Alema e la rivolta di Emiliano e Rossi.
Tutto ciò non può minimamente interessare una sinistra comunista e di alternativa che deve essere indipendente da ogni altro polo politico che non sia quello che vogliamo costruire nel rispetto delle singole realtà proponenti.
Ma tutto ciò rimane un bene: se il PD si lacera, viene meno quella anomalia tutta italiana che ha negato due culture politiche importanti del dopoguerra e ha creato una esasperazione leaderistica che ha amplificato il ruolo del governo nell’assetto istituzionale della Repubblica.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...