Se il PD implode, è un bene

Guardate come la vittoria del 4/5 dicembre scorso si mostra sempre più imponente è importante: abbiamo salvato la Costrituzione, abbiamo cacciato Renzi da Palazzo Chigi pur non potendo impedire...

Guardate come la vittoria del 4/5 dicembre scorso si mostra sempre più imponente è importante: abbiamo salvato la Costrituzione, abbiamo cacciato Renzi da Palazzo Chigi pur non potendo impedire la proposta di sostituzione con un governo-fotocopia e ora i primi segnali di implosione del PD con il “ConSenso” di D’Alema e la rivolta di Emiliano e Rossi.
Tutto ciò non può minimamente interessare una sinistra comunista e di alternativa che deve essere indipendente da ogni altro polo politico che non sia quello che vogliamo costruire nel rispetto delle singole realtà proponenti.
Ma tutto ciò rimane un bene: se il PD si lacera, viene meno quella anomalia tutta italiana che ha negato due culture politiche importanti del dopoguerra e ha creato una esasperazione leaderistica che ha amplificato il ruolo del governo nell’assetto istituzionale della Repubblica.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...