Ritorno all’inferno

I migranti fuggono dalla Libia e ora li riportiamo in Libia? Nei “porti sicuri” che non esistono laddove vi sono guerra e due governi che si fronteggiano insieme a...

I migranti fuggono dalla Libia e ora li riportiamo in Libia? Nei “porti sicuri” che non esistono laddove vi sono guerra e due governi che si fronteggiano insieme a bande e jihadisti dell’Isis sparsi per lo “scatolone di sabbia” di giolittiana memoria?

Che avreste detto se, dopo aver salvato mille ebrei dai campi di sterminio, Perlasca o Schindler li avessero riportati nei “porti sicuri” del Terzo Reich o del Protettorato di Boemia e Moravia?

Fatti i dovuti distinguo, le analogie sono spaventosamente attuali. E il dramma è proprio questo: una grande inumanità al potere (che di per sé è sempre molto poco avvezzo ad essere umano) e tutto intorno un esplicito consenso o un tacito menefreghismo.

La desolazione dei diritti ingoiata dal riconoscimento esclusivo dei doveri.

Ma la rassegnazione non può essere un atteggiamento politico, morale, sociale e civile da adottare: vorrebbe dire entrare a far parte di una delle due dannate categorie di cui sopra. Chi si spella le mani ad applaudire il ministro dell’Interno e chi fa spallucce.

E’ un brutto “grande mondo e terribile”, ma tocca pur viverlo: resistendo e rimanendo #ostinatamenteumani

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...