Rischio di impresa e di povertà

Grazie ai lavoratori il fatturato delle industrie balza in avanti del 5,1% rispetto a pochi mesi fa. Un dato alto, mai così alto dal 2011, frutto della circolazione delle...

Grazie ai lavoratori il fatturato delle industrie balza in avanti del 5,1% rispetto a pochi mesi fa. Un dato alto, mai così alto dal 2011, frutto della circolazione delle merci, della globalizzazione.
Ma la crisi economica esiste tutt’ora ed è la principale responsabile del ritorno a condizioni schiavistiche in molti settori lavorativi.
La domanda allora è questa: esiste davvero il “rischio di impresa”?
Esiste, indubbiamente, ma è certamente differente per impatto e per condizionamento degli stili di vita rispetto al rischio di povertà che invece è dilagante.
Si può dire, in tutta evidenza, che il rischio di impresa è inversamente proporzionale al rischio di licenziamento di massa. Basta studiare la vicenda dell’Embraco per rendersi conto che la lotta di classe esiste e che viene portata avanti dai padroni con mezzi spietati come le delocalizzazioni selvagge, senza tenere in conto gli assetti di un più vasto mondo economico nazionale.
Ma si sa, i cosiddetti “imprenditori” hanno a cuore le sorti del Paese e della collettività soltanto se sono funzionali, quindi subordinate, alla crescita esponenziale dei loro profitti. Tutto per il mercato, niente per il benessere comune.
Per questo la questione del “potere” torna ad essere centrale, perché è questione di classe.
#poterealpopolo

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Potermi dire…

    Non so voi, ma io non giro per strada con una pistola carica in tasca. Potete pure aggredirmi. Farò il possibile per difendermi, ma non sparerò mai a nessuno....
  • Vaccini e green pass: buonsenso al quadrato

    Il dubbio, la critica, la circostanziazione delle proprie idee non possono mai essere fini a sé stessi. Altrimenti si rischia di tradire proprio quello spirito che le voleva uniformare...
  • Scompensi studenteschi

    Un rapporto sulla DAD, la didattica a distanza adottata nel corso del biennio pandemico in cui ancora siamo immersi, redatto dai responsabili di INVALSI (l’Istituto Nazionale per la Valutazione...
  • Va’ dove ti porta la destra

    Lo pensavate che i danni maggiori li avrebbero fatti col referendum che voleva abolire il Senato e modificare radicalmente la Costituzione… Ed invece no… Non era per niente finita....