Risate tante…

Qualcuno lo interpreta come un candido siparietto goliardico-politico, ma la ripresa del microfono ieri al Quirinale da parte di Berlusconi è un altro autentico colpo di genio dell’indomito cavaliere:...

Qualcuno lo interpreta come un candido siparietto goliardico-politico, ma la ripresa del microfono ieri al Quirinale da parte di Berlusconi è un altro autentico colpo di genio dell’indomito cavaliere: ribadire chi comanda, chi guida il centrodestra attraverso una barzelletta delle movenze, un tono farcito di simpatia e sorrisi davanti a giornalisti sorpresi e, in quel caso, sprovveduti.
Stravolgendo non solo i patti con gli alleati sovranisti ma pure il protocollo del Quirinale, Berlusconi ha lasciato tutte e tutti di sasso e ha giocato un tiro mancino alla Lega di Salvini pronta ad una alleanza di governo con Di Maio.
Un colpo di genio. Un genio nemico di classe che ha condizionato negativamente la vita del Paese per oltre venti anni, ma un autentico fuoriclasse nel grigiore politico di oggi.
Ripetendo le parole di un Massimo D’Alema allora all’opposizione proprio di un governo berlusconiano: “Di governare non se ne parla, ma risate tante!”. Sulla pelle dei proletari…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...