Quattrostelle e mezza

Quattro stelle e mezza. Ieri ne avevamo tolta una. Visti i giri di valzer sul TAV, punti e contrappunti, affermazioni e smentite, pareva alla fine che i Cinquestelle avessero...

Quattro stelle e mezza.

Ieri ne avevamo tolta una. Visti i giri di valzer sul TAV, punti e contrappunti, affermazioni e smentite, pareva alla fine che i Cinquestelle avessero ceduto in campo e che in fondo questi benedetti “bandi di gara” fossero di partenza domani, lunedì 11 marzo anno del Signore 2019.

Invece mancava ancora un giro di valzer, mancava un punto e un altro contrappunto e mancavano ancora altre affermazioni e smentite per riequilibrare i piatti di una bilancia che rimane su un precario equilibrio: il TAV è solo rimandato.

Come si faceva ad ottobre con gli studenti: gli si concede qualche mese di studio ulteriore e poi si verifica la preparazione per rimediare alle insufficienze di fine anno.

Sei mesi. Il tempo di passare le elezioni europee e di assestarsi sui risultati e poi la resa dei conti sull’alta velocità potrà essere affrontata più o meno a muso duro da entrambi contraenti il “Contratto di governo”.

Dunque, dopo la fine di maggio qualcosa sapremo in merito. Ammesso che non intervenga l’imprevisto, l’imprevedibile e l’inimmaginabile a rompere le uova nel paniere e a togliere di nuovo una stella alle cinque del movimento.

(m.s.)

10 marzo 2019

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...