Quattrostelle e mezza

Quattro stelle e mezza. Ieri ne avevamo tolta una. Visti i giri di valzer sul TAV, punti e contrappunti, affermazioni e smentite, pareva alla fine che i Cinquestelle avessero...

Quattro stelle e mezza.

Ieri ne avevamo tolta una. Visti i giri di valzer sul TAV, punti e contrappunti, affermazioni e smentite, pareva alla fine che i Cinquestelle avessero ceduto in campo e che in fondo questi benedetti “bandi di gara” fossero di partenza domani, lunedì 11 marzo anno del Signore 2019.

Invece mancava ancora un giro di valzer, mancava un punto e un altro contrappunto e mancavano ancora altre affermazioni e smentite per riequilibrare i piatti di una bilancia che rimane su un precario equilibrio: il TAV è solo rimandato.

Come si faceva ad ottobre con gli studenti: gli si concede qualche mese di studio ulteriore e poi si verifica la preparazione per rimediare alle insufficienze di fine anno.

Sei mesi. Il tempo di passare le elezioni europee e di assestarsi sui risultati e poi la resa dei conti sull’alta velocità potrà essere affrontata più o meno a muso duro da entrambi contraenti il “Contratto di governo”.

Dunque, dopo la fine di maggio qualcosa sapremo in merito. Ammesso che non intervenga l’imprevisto, l’imprevedibile e l’inimmaginabile a rompere le uova nel paniere e a togliere di nuovo una stella alle cinque del movimento.

(m.s.)

10 marzo 2019

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • A Samuel Paty

    Se sento il nome di Samuel Paty penso alla scuola, penso a quei ragazzi francesi che studiavano con lui e che imparavano, a poco a poco, a vivere laicamente,...
  • La gentilezza è una carezza

    «Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere...
  • Decreti di redenzione

    Pare che dopo cinque riunioni al Ministero dell’Interno, finalmente le forze della maggioranza di governo abbiano trovato la quadra per superare l’ignominia dei “decreti sicurezza” di impronta giallo-verde. Ce...
  • L’esercito delle mascherine

    Le mascherine da mettere ogni giorno su tutto il territorio nazionale sono una misura che condivido. Ma si può fare tranquillamente a meno della presenza dell’esercito per le vie...