Pura e senza sbarramenti

Ci sono 29 proposte parlamentari sulla futura legge elettorale. Io ne propongo una semplice che, prima del 1992 era in vigore dal 1946: la proporzionale pura, senza sbarramento alcuno,...

Ci sono 29 proposte parlamentari sulla futura legge elettorale. Io ne propongo una semplice che, prima del 1992 era in vigore dal 1946: la proporzionale pura, senza sbarramento alcuno, senza soglie da superare se non quella naturale che è l’esaurimento della distribuzione dei seggi.
Sento già invocare il tema della “stabilità” dei governi: ma perché forse oggi i governi sono stabili? Sono stati stabili i governi Monti, Letta, Renzi e oggi Gentiloni?
La stabilità non dipende solo dalla legge elettorale, ma dipende soprattutto dal tipo di politica che un governo intende promuovere. Un governo, Costituzione alla mano, può anche nascere monocolore ed essere appoggiato da più forze parlamentari che non ne facciano, appunto, parte.
Oppure possono prendere vita governi di coalizione, ma la durata non è legata indissolubilmente al tipo di governo che si vara ma al rapporto che l’esecutivo stabilisce con la propria maggioranza.
Purtroppo in questi decenni i governi si sono preoccupati di più di proteggere gli interessi dei grandi capitali attraverso rappresentanze istituzionali costruite con marchingegni dichiarati poi incostituzionali, quindi illegali, quindi lesivi della volontà popolare.
La proposta è semplice: proporzionale pura, senza sbarramenti. Chi entra, entra e chi raccoglie poche decine di migliaia di voti rischia di rimanere fuori, democraticamente, senza giochetti di palazzo ispirati da qualche eterna volontà di protezione dei faccendieri entro e fuori dell’Alpe.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...