Porte chiuse

Stando così le cose, un “Libro bianco” sulla diffusione dell’epidemia da Covid-19 sarà necessario. Come ai tempi del G8 di Genova. Il problema sono sempre i fatti, che hanno...

Stando così le cose, un “Libro bianco” sulla diffusione dell’epidemia da Covid-19 sarà necessario. Come ai tempi del G8 di Genova. Il problema sono sempre i fatti, che hanno la testa dura ma a volte non riescono a sfondare le porte chiuse.

Qualcuno un giorno racconterà in qualche inchiesta dettagliata quando, come e perché il Coronavirus si è diffuso in Lombardia piuttosto che in Calabria. Leggeremo tutte le evidenze scientifiche del caso; sapremo, dati alla mano, ricollegare ogni singolo frammento di un cambiamento epocale.

Di una tragedia, di uno sconvolgimento prima di tutto delle vite dei più deboli, degli sfruttati, di chi fa fatica a sbarcare il lunario ogni mese. Lo leggeremo in qualche libro-inchiesta di una giornalista coraggiosa, di un cronista d’assalto.

Forse lo leggeremo anche da atti pubblici. Ma dopo che, come spesso è accaduto nella storia della nostra Repubblica, la notte è passata grazie a qualche nuova Camilla Cederna, a qualche nuovo Giuseppe Siani, a qualche nuovo Lorenzo Guadagnucci…

(m.s.)

Foto di djedj da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...