Notturno comunista / 1

Pensieri in risposta a dilemmi di altri compagni Il comunismo o è libertario o scade nella ricerca del potere per costruire altro potere. Non sono mai stato un togliattiano,...

Pensieri in risposta a dilemmi di altri compagni

Il comunismo o è libertario o scade nella ricerca del potere per costruire altro potere.
Non sono mai stato un togliattiano, nemmeno ho mai avuto simpatia smodata per il PCI del dopoguerra pur riconoscendo a quel grande partito un ruolo imprescindibile almeno fino agli anni ’60, quando si fece avanti una sinistra differente, critica verso il modello sovietico. A quella sinistra, a cominciare da il gruppo radiato de “il manifesto” sarebbe andata la mia simpatia politica per approdare all’esperienza eretica del comunismo veramente libertario di Democrazia Proletaria.
Tuttavia, ritengo che non si possa liquidare nessuna storia con il semplicismo puerile del giudizio politico a posteriori ma solo osservarla e imparare tanto da quelli che consideriamo virtù ed eccellenze politiche fino a quelli che consideriamo errori.
Ciascuno avrà la sua opinione in merito ma su questa non può fondarsi il comunismo (movimento) del futuro. Quello del futuro deve trovarci uniti su tutto ciò che è sintetizzabile senza mortificare nessuna esperienza e deve trovarci differenti senza mortificare nessun tentativo unitario.
Per questo io credo che il processo della rifondazione comunista sia un divenire continuo, una palestra formativa dove dovremmo tutti esercitarci sempre in conoscenza del passato, comprensione del presente e immaginazione costruttiva del futuro.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • I seguaci

    La destra israeliana si ricompatta! Plaudono un po’ tutti dalle parti israeliane per questo ritrovato senso sionista, antidemocratico e incivile che pervade lo Stato ebraico: le provocazioni e le...
  • Italia – Mondo

    Mario Draghi urbi et orbi: «Siamo pronti ad accogliere il mondo in Italia». Ci vuole poco a superare la sinistra in buonismo ed accoglienza. E ora chi glielo spiega...
  • Per la memoria divisiva

    Il 28 aprile 1945 Mussolini veniva fucilato in nome del popolo italiano, per aver instaurato una dittatura feroce e sanguinaria per oltre vent’anni; per aver legalizzato il razzismo nel...
  • La vittima (quale?)

    Uno stupro è prima di tutto una violenza, un vilipendio fisico e morale di una persona. Chiunque essa sia. È una condanna prima per la vittima che per lo...