La rabbia, l’odio e la paura di alcuni milioni di italiani

“Insieme senza muri”, a Milano oggi, sarà una bella marcia colorata. E smentirà l’odio di certi giornali che seminano odio, che fanno titoli che oltrepassano la libertà di stampa....

“Insieme senza muri”, a Milano oggi, sarà una bella marcia colorata. E smentirà l’odio di certi giornali che seminano odio, che fanno titoli che oltrepassano la libertà di stampa.
Perché la libertà di stampa non può essere anatema, stigma pernicioso.
Può capitare di scrivere con la rabbia addosso, di essere furibondi e di fare un titolo ad effetto che colpisca per una volta l’immaginario collettivo e anche le coscienze.
Ma non si può assistere ogni giorno a rovesciamenti di tonnellate di disprezzo verso nostri simili, verso categorie deboli per le situazioni che le hanno condotte in Italia a cercare rifugio, riparo e magari a tentare di passare un confine a Ventimiglia che, ancora oggi, rimane invalicabile per i migranti.
Ogni essere vivente, umano o meno che sia, ha diritto di esistere e di non veder soffocato questo suo diritto da nessun regolamento, da alcuna legge, da alcun potere.
Quando questo avviene, l’odio diventa la costante anche dei titoli di giornali e siti Internet.
Per battere la cattiveria gratuita c’è un solo modo: informarsi, capire e non giudicare, ma studiare sempre, perché non è mai abbastanza ciò che sappiamo di 6.940.000.000 di persone che, esclusi noi italiani, abitano su questo pianeta.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...