Gatticidio

Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...

Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo.

Non siamo neppure in guerra, quindi nemmeno si può accampare la scusante che si ha fame.

Magari quel migrante aveva fame e si è procacciato, al pari dei cacciatori, una preda. Magari per mangiare, non per mero sadismo, perché ci si compiace nell’uccidere.

Propendo anche io per l’ipotesi della notizia tutta montata ad arte per allargare un po’ le maglie da cui far passare qualche rigurgito odierno di odio e aumentarne la portata in questi tempi dove la retorica della solidarietà patriottarda deborda incessantemente dalle pubblicità di ogni tipo…

Ma ditemi una cosa: mangiate chili di maiali e maialini tenerissimi (che magari ai vostri figli e nipoti comperate in forma di peluche) vitelli, cavalli, agnelli, di carni di ogni genere all’anno; divorate pesci di ogni tipo, sapendo bene che l’aragosta – tanto per fare un esempio – fa una morte atroce per soddisfare il vostro palato…

Poi, come se tutto ciò non bastasse mangiate interiora di ogni tipo, testicoli, lingue, gole… Fate spurgare per un mese le lumache, le cuocete e le mangiate con l’eleganza dello stuzzicadenti e pasteggiando il tutto con qualche presunto buon vino…

Abbandonate magari anche il vostro cane in macchina al sole o sull’autostrada legato con una corda al primo guard rail che vi capita e ve ne andate in vacanza….

Non rimproverate i vostri figli anche piccoli se maltrattano i piccioni o quelli più grandi se tirano pietre ai gabbiani o, come è successo pochi giorni fa, ad un pappagallo…

…fate tutto questo e poi vi indignate, per giunta con una buon carico da novanta di razzismo (dopo aver detto la preghierina del giorno o essere stati a messa la domenica), per il gatto cucinato in strada?

Siete senza speranza. Se la volete avere, avete sempre tempo per ripensarvi, per rimettervi in discussione.

#antispecismo #vegetarianesimo

(m.s.)

2 luglio 2020

Foto di Huda Nur da Pixabay 

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...