G7, 3R

Chi sono i Sette Grandi per dire di sì ai diritti dei migranti o di qualunque altro essere umano? Sono i Sette Grandi, va bene. Lo so. Non mi...

Chi sono i Sette Grandi per dire di sì ai diritti dei migranti o di qualunque altro essere umano?
Sono i Sette Grandi, va bene. Lo so.
Non mi rispondete retoricamente.
Intendo dire: quale diritto hanno di concedere diritti?
Forse è ritornato il momento di riprenderceli i diritti: con una nuova coscienza di classe, con una nuova sinistra di classe, con quella voglia, che molti giovani hanno smarrito o non hanno mai avuto, di cambiare e rovesciare il mondo.
Dov’è questa necessità di biologia politica giovanile che un tempo animava i ventenni?
Dov’è la rabbia incanalata nello sguardo vicino all’oggi, proiettato nel domani di una società senza più sfruttatori?
E’ mai possibile che si accetti passivamente tutto ciò?
Dopo aver tanto letto, studiato e scritto, sono arrivato ad una banale conclusione: la “distrazione di massa” è una caratteristica che il mercato ha sviluppato in questi decenni, sostituendola ai livelli di fabbrica, ai vecchi metodi di divisione della coscienza collettiva.
Ricostruiamo, ricominciamo, rifondiamo.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...