G7, 3R

Chi sono i Sette Grandi per dire di sì ai diritti dei migranti o di qualunque altro essere umano? Sono i Sette Grandi, va bene. Lo so. Non mi...

Chi sono i Sette Grandi per dire di sì ai diritti dei migranti o di qualunque altro essere umano?
Sono i Sette Grandi, va bene. Lo so.
Non mi rispondete retoricamente.
Intendo dire: quale diritto hanno di concedere diritti?
Forse è ritornato il momento di riprenderceli i diritti: con una nuova coscienza di classe, con una nuova sinistra di classe, con quella voglia, che molti giovani hanno smarrito o non hanno mai avuto, di cambiare e rovesciare il mondo.
Dov’è questa necessità di biologia politica giovanile che un tempo animava i ventenni?
Dov’è la rabbia incanalata nello sguardo vicino all’oggi, proiettato nel domani di una società senza più sfruttatori?
E’ mai possibile che si accetti passivamente tutto ciò?
Dopo aver tanto letto, studiato e scritto, sono arrivato ad una banale conclusione: la “distrazione di massa” è una caratteristica che il mercato ha sviluppato in questi decenni, sostituendola ai livelli di fabbrica, ai vecchi metodi di divisione della coscienza collettiva.
Ricostruiamo, ricominciamo, rifondiamo.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...