Cordogli

Tra Italo Moretti e Giampaolo Pansa, il mio cordoglio va ad un giornalista che non ha mai adoperato nessun revisionismo dei fatti per fare attualità o per fare cronaca....

Tra Italo Moretti e Giampaolo Pansa, il mio cordoglio va ad un giornalista che non ha mai adoperato nessun revisionismo dei fatti per fare attualità o per fare cronaca.

Non si può sempre “condividere” tutto: nemmeno il cordoglio. Altrimenti facciamo il gioco di chi ha inventato la necessità dell’unità di popolo a tutti i costi sotto una “memoria condivisa“.

Ognuno piange i suoi morti: quelli che hanno provato a mostrare la Resistenza come fenomeno equiparabile al fascismo di Salò o addirittura peggiore per vendette post-belliche, non possono avere il mio cordoglio.

Non voglio essere ipocrita, per questo mi dispiace molto per la scomparsa di Italo Moretti. Quella di Pansa mi lascia, eufemisticamente, indifferente.

Nessun disprezzo, però. Restiamo, comunque, sempre umani e, se possibile, resistenti e partigiani (da una parte ben precisa).

(m.s.)

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • …ed ora, ciao Franca…

    Appena poco più di una settimana fa, il 31 luglio, aveva festeggiato un secolo di vita. Una vita straordinaria: difficile al principio, piena di cambi di scena, come in...
  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...